Presentata ieri Dahlia Tv, la tv maschilista

Un prodotto tv innovativo, dai contenuti mai scontati, con parole d’ordine come adrenalina e passione. E’ così che ieri è stata presentata in Italia Dahlia Tv, una nuova piattaforma del digitale terrestre che ha acquisito i diritti di La7 CartaPiú, acquistandoli lo scorso settembre da Telecom Italia Media per una cifra pari a 16,6 milioni di euro, ed ereditandone anche i 240mila abbonati (Mediante la cessione, le due società hanno stabilito un accordo pluriennale relativo alla capacità trasmissiva per le attività di pay per view: Telecom Italia Media è attualmente titolare del 9% del capitale sociale della nuova controllata italiana). La tv, edita dal gruppo Airplus Tv di proprietá della famiglia svedese Wllemberg (giá proprietaria del marchio auto e aerei Saab e Scania, veicoli pesanti), ha giá fatto il suo esordio in Svezia, appunto, ma anche in Finlandia e Spagna, dove é stato inaugurato il marchio Dahlia. Dahlia sará una tv a forte impronta maschile, forse addirittura maschilista. Giá, perché la componente femminile, quale possibile bacino d’utenza, é stata completamente tagliata fuori. Le aree tematiche saranno Calcio, con i diritti delle partite di calcio di serie A e B (giá acquisiti i diritti di Lecce, Siena, Palermo, Sampdoria, Fiorentina, Bologna, Cagliari, Catania e Udinese in serie A e Livorno, Parma e Bari in serie B, anche se queste ultime due sono giá promosse in A); poi Sport, con notizie, talk show e particolare spazio a rugby e boxe; poi, ancora, Xtreme, spazio dedicato agli sport estremi, quali bugde jumping, paracadutismo, arti marziali o wrestling, più le attività dei corpi speciali militari e di polizia; ed, infine, la sezione Eros a Adult (criptato), con film a luci rosse d’autore e filmati porno no limits. Insomma, non proprio un canale per signore. Con 150 euro annui, Dahlia assicura un anno di sport e sesso. Tutte le offerte ed i pacchetti sono presenti sul sito web www.dahliatv.it. (G.M. per NL)
printfriendly pdf button - Presentata ieri Dahlia Tv, la tv maschilista