Problemi, errori e responsabilità

Il post switch-off del nord Italia sta confermando le enormi difficoltà tecnico-strategiche della concessionaria televisiva pubblica nell’affrontare un’impegnativa svolta tecnologica.

E ciò nonostante RAI sia stata fortemente agevolata dal MSE-Com attraverso l’attribuzione temporanea di canali del dividendo interno (come il 54 UHF o il 55 UHF) in aggiunta ai numerosi mux assegnati. Il carrozzone pubblico, anche in questa occasione, ha dimostrato il peggio di sé: davanti alla manifestazione di gravi problemi di sintonizzazione dovuti perlopiù ad una errata progettazione delle reti e ad una cattiva pianificazione delle risorse frequenziali – su tutti l’incredibile vicenda del canale 24 in Emilia Romagna per la veicolazione del programma regionale di Raitre – l’unica contromisura immediatamente adottata è stato il consueto scaricabarile.
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Problemi, errori e responsabilità

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL