Professionisti, Cassazione: reato usare software pirata a studio

E’ reato, e non soltanto sanzione amministrativa, usare negli studi professionali programmi software pirata. Ne risponde personalemente il titolare dell’attività


da Cassazione.net

E’ reato, e non soltanto sanzione amministrativa, usare negli studi professionali programmi software pirata. Ne risponde personalemente il titolare dell’attività.

E’ quanto affermato dalla Corte di Cassazione con la sentenza 25104 del 19 giugno 2008.

Qui per scaricare la sentenza

Send Mail 2a1 - Professionisti, Cassazione: reato usare software pirata a studio

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL