Radio, concessionarie pubblicità. Mondadori Pubblicità succede a Manzoni nella gestione commerciale di Radio Italia

Radio Italia di Mario Volanti divorzia da Manzoni (Gruppo L’Espresso) e passa da metà aprile nella (ristretta) scuderia  di Mondadori Pubblicità (R 101 e Kiss Kiss), dove diventa la stazione di punta in termini d’ascolto.

Che i rapporti si fossero deteriorati, scrive il quotidiano Italia Oggi nell’edizioni odierna, lo si percepiva gia’ lo scorso gennaio, quando il presidente di Radio Italia sottolineava di non capire come mai l’audience della sua emittente crescesse del 30%, mentre il fatturato pubblicitario fosse in (lieve) calo. "Ovvio che la grande crisi del mercato in generale, e che prosegue nel 2013, non ha aiutato la serenita’ della discussione", sottolinea oggi il quotidiano, mostrando una certa comprensione per la posizione della Manzoni Pubblicità. D’altro canto, la concessionaria captive del gruppo L’Espresso nel 2012 ha raccolto per l’emittente di musica italiana circa 30 milioni di euro (con un deficit del 2% sul 2011, quindi sicuramente al di sotto della media settoriale), sicché le remore di Volanti paiono francamente discutibili. Invero, il progressivo degrado dei rapporti con la concessionaria del gruppo Espresso sarebbe avvenuto, almeno stando a rumors che hanno determinato un comunicato di smentita di Radio Italia, per due motivi: il minimo garantito richiesto da Volanti per poter pianificare con più tranquillità la gestione e gli investimenti dell’emittente (che certamente necessita di implementazione della diffusione del segnale in zone anche demograficamente rilevanti del paese), che Manzoni non ha mai concesso e l’eventuale ingresso dell’Espresso nell’azionariato di Radio Italia. Ipotesi, come detto, smentite con forza dall’emittente, per voce di Marco Pontini, d.g. marketing di Radio Italia, che ha dichiarato a riguardo: “Non e’ mai stato chiesto nessun minimo garantito a Manzoni e tantomeno a Mondadori. Inoltre non c’e’ mai stata una trattativa legata a cessioni o acquisti di quote azionarie di Radio Italia”. A prescindere da ciò, non si può non rilevare come nel portafoglio media radiofonici di Manzoni Radio Italia fosse una stella di seconda luminosità (stante la presenza offuscante di Radio Dee Jay) e gli sforzi commerciali, in periodo di pesante magra, fossero soprattutto orientati a rafforzare Radio Capital ed m2o (la seconda e terza emittente di Elemedia), mentre nel parco mezzi Mondadori l’emittente di Volanti sarà la punta di diamante su cui puntare, magari anche per far crescere la raccolta dell’emittente di proprietà (R 101) attraverso il consueto strumento del traino. (E.G. per NL)
printfriendly pdf button - Radio, concessionarie pubblicità. Mondadori Pubblicità succede a Manzoni nella gestione commerciale di Radio Italia