Radio digitale: in Francia spinte opposte per lo sviluppo numerico del medium

Già da due anni la Francia ha scelto che il futuro della sua radio sarà digitale, anche se cosciente che l’avvicendamento con l’analogico non sarà indolore.

Diciannove città sono già state scelte come campo di prova per lo standard prescelto,il T-DMB, e il 2012 era stato fissato come termine massimo per lo switch off. In realtà, la data è stata ritrattata, tanto che ad oggi si sta svolgendo un’altra indagine, commissionata dal governo, per misurare le reali aspettative del mercato (l’utenza non sembra così affamata di radio numerica, mentre spingono i broadcaster). Indagine che non si concluderà prima del prossimo mese, ragion per cui, come ha confermato al giornalista Andrea Lawendel di Radiopassioni alcune settimane fa Albino Pedroia, docente dell’Università Sorbona di Parigi e guru della radio, ancora nulla è deciso: “niente appalti, niente calendari”. Ma il periodo di stallo inizia a stancare coloro che continuano a pressare perché i tempi vengano accelerati. Un paio di giorni fa si leggeva sempre su Radiopassioni della firma di un appello da parte di DR France, il consorzio di operatori che più si prodiga  per l’avvento del digitale, in collaborazione con alcuni operatori (tra cui Africa N1, Contact, Crooner, Jazz Radio, La Radio de la mer, Oui FM), con il costruttore inglese Pure e il fornitore di servizi infrastrutturali VDL. La richiesta è precisa: dal momento che esiste già l’inquadramento legislativo, la radio digitale deve partire subito, anche se molti player, anche di primo piano, continuano a tentennare. Per loro sarà lasciata aperta la porta ma, dicono i firmatari, coloro che intendono passare al digitale hanno il diritto di farlo subito. RNTest, il lancio “a partecipazione ridotta”, come è stata definita la proposta, lascia quindi l’opportunità a chi volesse entrare nel sistema a regime di fare  il proprio ingresso nei multiplex digitali già in utilizzo dagli altri operatori. La spinta lobbistica è molto forte: il futuro della radio francese è  già segnato, tanto vale iniziare subito. Resta, però, il rischio di spaccare il settore in due tronconi. (L.B. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Radio digitale: in Francia spinte opposte per lo sviluppo numerico del medium

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL