Radio digitale: la Svizzera crede nel DAB + e rilascia nuove concessioni

Il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC) ha rilasciato le concessioni per la diffusione di tre nuovi canali radiofonici nella Svizzera romanda attraverso la piattaforma digitale DAB+.

Si tratta di nuove offerte di Radio Rhône SA, Radio Fribourg/Freiburg SA e Soprodi Sàrl. Tali concessioni conferiscono il diritto alla diffusione sulla nuova rete DAB+ ma non alla partecipazione al canone di ricezione. Nel 2008 l’Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) ha messo a concorso nella Svizzera romanda otto concessioni radiofoniche con diritto d’accesso alla piattaforma digitale DAB+: sei delle dieci candidature totali presentate sono state ritirate nel corso della procedura stessa, mentre delle quattro rimanenti solo quelle di Radio Rhône SA, Radio Fribourg/Freiburg SA e del gruppo giurassiano Soprodi Sàrl (Le Quotidien Jurassien e Pierre Steulet) sono risultate conformi ai requisiti e si sono pertanto aggiudicate la concessione. La domanda inoltrata da "Radio Jazz International", invece, non soddisfaceva i requisiti indicati nel bando relativamente alle modalità di finanziamento. I tre nuovi canali concessionari sono progetti radiofonici che andrebbero ad aggiungersi alle reti locali già esistenti. Contrariamente a quanto previsto nella concessione per i programmi analogici in FM, i contenuti dei programmi digitali devono rivolgersi all’intera regione linguistica invece che alla sola popolazione locale, e la loro diffusione deve coprire l’intero territorio regionale. Oltre alle tre nuove stazioni concessionarie, anche la SSR ha ottenuto il diritto di diffondere due suoi programmi radiofonici sulla nuova rete DAB+. La concessione di radiocomunicazione per la gestione di quest’ultima sarà rilasciata dall’UFCOM nelle prossime settimane. I progetti ritirati o respinti potranno comunque essere realizzati e poi diffusi con lo standard DAB+ anche senza concessione. In tal caso, sarà necessario un previo accordo con il futuro gestore della piattaforma digitale (ossia il titolare della concessione di radiocomunicazione) e non è garantito alcun diritto alla diffusione.

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Radio digitale: la Svizzera crede nel DAB + e rilascia nuove concessioni

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL