Radio e Reti non aderisce all’Indagine diari di Audiradio

Una ricerca integrativa su cui il mercato, per voce di Assocomunicazione, ha espresso dubbi e perplessità; che utilizza un campione troppo limitato per essere rappresentativo della popolazione italiana e che costa più della ricerca di base


Questi i tre motivi che hanno convinto Radio e Reti a non aderire alla ricerca che da gennaio 2009 dovrebbe integrare l’attuale indagine telefonica sull’ascolto della radio in Italia.
“Abbiamo discusso a lungo ma alla fine ci siamo fermati davanti ai numeri: 3000 casi non sono sufficienti a rappresentare, su alcuni focus target e su alcune fasce orarie, né le grandi reti nazionali, né, tanto meno, le emittenti areali”, spiega Massimo Soleri, direttore commerciale della concessionaria,” e non si giustificano 3, 5 milioni di euro per una ricerca su 3000 casi nel semestre, contro i 120 mila casi annuali dell’attuale indagine telefonica che costa poco più di 2 milioni di euro.”
La decisione della concessionaria arriva a poche ore dalla scadenza dei termini di iscrizione, fissata per oggi 18 dicembre e alla vigilia del consiglio d’amministrazione di Audiradio che dovrà verificare la possibilità di far partire l’indagine.
“La nostra è stata una decisione difficile ma ci auguriamo che possa essere interpretata per quello che è: la richiesta di una sospensione per riaprire il tavolo tecnico e trovare soluzioni condivise, nell’interesse prima di tutto del mercato pubblicitario per cui questa ricerca è stata progettata.”, conclude Soleri.

printfriendly pdf button - Radio e Reti non aderisce all'Indagine diari di Audiradio
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Radio e Reti non aderisce all'Indagine diari di Audiradio

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL