Radio e tv locali. dal Governo solo un contentino con il Decreto Incentivi. Quindi la protesta continuerà

Forse pensavano che bastassero quattro soldi per zittire le oltre mille radio e tv locali che da fine febbraio stanno protestando con decine di migliaia di spot contro la soppressione delle provvidenze per l’editoria.

Eppure il ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto, ha ritenuto di esaltare le briciole gettate dalla finestra dal Governo Berlusconi: "Il consiglio dei Ministri ha tenuto fede all’impegno assunto nei confronti del settore delle emittenti radiotelevisive locali", ha riferito tramite una nota con la quale ha enfatizzato la carità elargita "all’interno del decreto incentivi approvato oggi, su proposta del ministro Scajola". "Dieci milioni di euro a ristoro parziale dei tagli operati sul fondo per l’emittenza", che secondo il ministro sarebbero "un primo concreto segnale di attenzione che elimina ogni dubbio rispetto alla effettiva volontà del governo di sostenere un settore tanto importante per l’economia e la stessa vita democratica del Paese". In realtà, come è evidente, si tratta di poco più che un contentino dal sapore elettorale. Comunque un risultato concretamente ben lontano dal ripristinare quello che il Governo ha tolto ingiustamente alle emittenti locali per consegnare alle testate di partito con il vergognoso blitz attuato in occasione della conversione in legge del DL Milleproroghe. provvidenze%20editoria%20protesta%20soppressione - Radio e tv locali. dal Governo solo un contentino con il Decreto Incentivi. Quindi la protesta continuerà"Il ripristino di 10 milioni per le tv locali, inserito nel decreto incentivi, è solo una piccola parte di quanto chiesto all’unanimità dal parlamento su proposta del Pd", ha contestato Paolo Gentiloni, responsabile comunicazioni del Pd, che ha aggiunto: "Il fondo del ministro dello Sviluppo per le tv locali resta al di sotto del livello raggiunto con il governo Prodi. Per non parlare dei 15 milioni sottratti al dipartimento dell’editoria. Il ruolo dell’emittenza locale è fondamentale per il nostro pluralismo informativo e per questo a questo primo intervento deve seguire il pieno reintegro delle risorse sottratte". Scontato, quindi, che la protesta delle emittenti locali continuerà finché il Governo non mostrerà di avere veramente interesse a sostenere l’informazione libera ed indipendente. Con fatti concreti e non con gesti di elemosina. (A.M. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Radio e tv locali. dal Governo solo un contentino con il Decreto Incentivi. Quindi la protesta continuerà

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL