Radio, Lombardia: da 230 a 116 emittenti in 13 anni

La radio come ”risorsa preziosa, da proteggere e valorizzare”. E’ ruotato attorno a questo ragionamento l’intervento che il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Giulio De Capitani, ha tenuto questa mattina in occasione del convegno ”Radio locale, nuove tecnologie, impresa, territorio. Il mercato radiofonico in Lombardia” organizzato dal Corecom.

”La radio – ha osservato De Capitani – si e’ adeguata ai nuovi sistemi di trasmissione via rete, all’evoluzione dei linguaggi, dei gusti e dei consumi riuscendo in questo modo a conservare la sua giovinezza e il suo fascino”. Il convegno ha rappresentato anche l’occasione per presentare la ricerca ”Il mercato radiofonico in Lombardia”, uno studio che analizza l’evoluzione della radio negli ultimi decenni e si sofferma sullo sviluppo dei grandi network nazionali a scapito della drastica riduzione delle antenne, evidenziando come in Lombardia si sia praticamente dimezzato il numero di radio, scese dalle 230 del 1995 alle 116 censite nel 2008. (Asca)
printfriendly pdf button - Radio, Lombardia: da 230 a 116 emittenti in 13 anni