Radio, pubblicità: battuta d’arresto a gennaio con raccolta a -3,4%. FCP: dato non rappresentativo in assoluto

I dati dell’Osservatorio FCP-Assoradio (FCP-Federazione Concessionarie Pubblicità), evidenziano una diminuzione del fatturato pubblicitario del­la pubblicità nazionale radiofoni­ca pari al -3,4% nel mese di gen­naio 2016 rispetto al corrispettivo 2015.

Tale dato corrisponde a un fatturato totale di 19.154.000,00 euro. Paolo Salvaderi, Presiden­te FCP-Assoradio, ha commenta­to: “Dopo un 2015 che ha chiuso con un incremento di fatturato pari a +8,8% la flessione di que­sto inizio anno appare quasi fi­siologica. Il delta percentuale a gennaio è -3,4%. Stiamo co­munque parlando del mese che dopo agosto ha l’incidenza mi­nore sul totale anno, 6,2% nel 2015. Altre variabili hanno inol­tre inciso sull’andamento del mercato pubblicitario in genera­le. Penso alle prolungate festività di dicembre e alle turbolenze dei mercati finanziari. Nel 2016 per il mezzo l’obiettivo è consolida­re l’importante risultato raggiun­to lo scorso anno e il posiziona­mento conquistato dalla radio nel media mix degli investitori”. (E.G. per NL)
printfriendly pdf button - Radio, pubblicità: battuta d'arresto a gennaio con raccolta a -3,4%. FCP: dato non rappresentativo in assoluto