Radio. Pubblicità: male anche a ottobre 2020, anche se meglio che a settembre. E non aiuterà la beffa del credito d’imposta

ottobre 2020

Ottobre 2020: investimenti pubblicitari radiofonici a -7,2%. Lo rende noto l’Osservatorio Fcp Assoradio.
Ciò nonostante, la Federazione delle concessionarie di pubblicità registra un tred lievemente positivo, nel senso che diminuisce… la diminuzione. E non aiuterà la beffa sul credito d’imposta.

-27,3% sul cumulato annuale

Il progressivo dei primi dieci mesi del 2020 della raccolta pubblicitaria radiofonica resta pesantissimo -27,3%.
Eppure nel periodo estivo (luglio-agosto) l’entità degli investimenti pubblicitari radiofonici si era allineata a quelli storici. Anzi, li aveva pure superati, facendo sperare addirittura per una riduzione sull’annualità vicina al -10% (che sarebbe stato un grande risultato).

Poi però a settembre era stata registrata una nuova contrazione

Ora il mese di ottobre 2020 “segna sicuramente una tendenza alla ripresa degli investimenti i quali, pur registrando un valore negativo, riducono nuovamente l’entità della flessione, facendo ben sperare sul trend dell’ultimo trimestre“, spiega una nota della FCP.

Ottobre 2020: difficile fare previsioni in un contesto mutevole

“Siamo tuttavia in un contesto fortemente mutevole, dove le decisioni ministeriali sulla chiusura delle attività commerciali e sulla mobilità delle persone, possono contribuire a determinare (da un punto di vista sia materiale che psicologico) un clima più o meno favorevole agli investimenti pubblicitari. Le analisi merceologiche evidenziano nel mese di ottobre il buon andamento in secondi di settori quali Distribuzione, Abitazione e TLC”, conclude il comunicato.

Non aiuta la beffa del credito d’imposta sugli investimenti pubblicitari

Peraltro non soccorrerà la sostanziale beffa del credito d’imposta sugli investimenti pubblicitari, di cui abbiamo dato conto ieri.
Le risorse inferiori all’ammontare totale del credito d’imposta richiesto hanno infatti determinato la ripartizione delle stesse tra i richiedenti, in misura proporzionale agli importi richiesti.
Segnatamente con una percentuale pari al 14,8% per gli investimenti sulla stampa, al 6,5% per investimenti sulle radio e televisioni e una percentuale compresa tra il 6,5% e il 14,8% nel caso di investimenti su entrambi i canali. (E.G. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Radio. Pubblicità: male anche a ottobre 2020, anche se meglio che a settembre. E non aiuterà la beffa del credito d'imposta

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL