Radio. Red Ronnie: ho ascoltato la Radio da Bologna a Milano e alla fine non ricordo cosa ho sentito. Qualcosa non funziona più come prima

Red Ronnie

Il giornalista e critico musicale Gabriele Ansaloni (come chi è? E’ il vero nome di Red Ronnie) con una frase ha spogliato il Re.
Nel corso di un’intensa puntata dell’appuntamento di informazione Primalinea, condotta ieri sera da Luca Ciliberti sull’emittente siciliana Telecolor, si è parlato di Radio.

La Radio libera, la Radio prigioniera

Argomento centrale, l’inaspettato successo editoriale del libro “La Radio libera, la Radio prigioniera” dell’esordiente scrittore (e conduttore radiofonico) Ubaldo Ferrini. Ormai da settimane ai vertici della classifica di vendita di Amazon.
Peraltro in buona compagnia: col libro, uscito sostanzialmente in coincidenza, Qui Radio Libera di Enzo Mauri.

ubaldo ferrini red ronnie 1 - Radio. Red Ronnie: ho ascoltato la Radio da Bologna a Milano e alla fine non ricordo cosa ho sentito. Qualcosa non funziona più come prima

 

Gli ospiti radiofonici

Tra gli ospiti della puntata: Red Ronnie, Marco Biondi, Manuela Doriani, Massimo Lualdi, Ottavio Longo, Ettore Tortorici. E, ovviamente, Ubaldo Ferrini.

Ronnie dissacrante

La puntata ha avuto uno sviluppo interessante con un intervento, al solito dissacrante, di Red Ronnie.
Nel 1975 ho iniziato a fare Radio e da allora l’ho fatta in più occasioni. Ma la Radio di oggi non è più quella di un tempo. Ne ho avuto la conferma ultimamente – ha raccontato Ronnie -. Partito da Bologna per andare a Milano ho sentito la Radio. O meglio, non l’ho sentita. Visto che, arrivato a destinazione, non ricordavo nulla di quello che avevo ascoltato”. 

Il Re è Nudo

La trasmissione, partita come un tributo alla Radio, pur senza sminuirne l’attuale importanza, ha messo in evidenza tutti i limiti sopravvenuti. Generalmente a causa della perdita di identità del ruolo.

Il complesso di inferiorità a più livelli

Un ruolo smarrito anche a causa di un assurdo ed immotivato complesso di inferiorità a più livelli. Quello delle emittenti locali verso le radio nazionali e di quest’ultime verso tv e social.

Multipiattaforma non è melting pot

Eppure, come hanno confermato la Doriani, Longo e Tortorici, lo spazio per la Radio ci sarebbe ancora. A condizione di trattarla come tale, senza snaturarla.
Senza contaminarla oltre le naturali esigenze tecnologiche, rendendola un inefficace melting pot di principi comunicativi. Che tenta di mettere insieme i valori vincenti di altri strumenti di comunicazione finendo per scontentare tutti.

ubaldo ferrini red ronnie - Radio. Red Ronnie: ho ascoltato la Radio da Bologna a Milano e alla fine non ricordo cosa ho sentito. Qualcosa non funziona più come primaBiondi: dalla radio solo musicale alla radio senza musica

Marco Biondi, autore della prefazione del libro di Ferrini, ha portato in evidenza la sua esperienza. Da protagonista delle più pure radio musicali è impegnato oggi in un progetto radiofonico dove la musica è inesistente: Giornale Radio. La sintesi del suo pensiero: la Radio nasce, cresce, cambia, muore. E risorge.

Gli studi scuri delle visual radio e i conduttori decontestualizzati

Insieme al conduttore Ciliberti, Ferrini ha fatto da collante ai vari interventi, coordinandoli e stimolando il confronto. Riuscendo nel non facile compito di evitare off topics.
Si è infatti parlato del controverso rapporto tra Radio e Televisione (“quegli studi tutti scuri, con speaker imbarazzati perché fuori contesto”, ha osservato Red Ronnie), del rapporto tra utente e conduttore (Doriani, Longo, Tortorici). E di quello, controverso e attuale, coi giovani.

La Radio non è più per i giovani. Ma i giovani diventano adulti e approcciano la Radio

Inseguire i giovani è una dispersione di risorse che danneggia il pubblico ideale della radio di oggi: quello adulto”, ha rimarcato Lualdi. “Non avere tra il pubblico i giovani non è un problema: i ragazzi diventano adulti ed in macchina scoprono la radio. Basta attendere e concentrare gli sforzi”.

I competitor della radio

Ma nel consesso si è discusso anche di (possibili) competitor, come Clubhouse (Doriani: “Piattaforma incredibile, che fa rivivere il rapporto iniziale tra radio e conduttore”), di cui ci siamo occupati nei giorni scorsi.

Contributi inediti

Il programma ha prodotto anche contributi inediti, come le interviste indimenticabili di ciascun protagonista.
Un bel momento di oggettiva verifica e critica del medium. E un’ottima ragione in più per leggere il lbro di Ubaldo Ferrini. (E.G. per NL)

printfriendly pdf button - Radio. Red Ronnie: ho ascoltato la Radio da Bologna a Milano e alla fine non ricordo cosa ho sentito. Qualcosa non funziona più come prima
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Radio. Red Ronnie: ho ascoltato la Radio da Bologna a Milano e alla fine non ricordo cosa ho sentito. Qualcosa non funziona più come prima

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL