Radiozero, una radio che paga multe (degli altri)

L’agguerrita radio di Ravenna difende i cittadini estraendo a sorte le multe da pagare per conto loro


Nonostante si continui a parlare delle nuove forme pubblicitarie online, che sembra possano smuovere capitali facendo arricchire intere società da un giorno all’altro, qualcuno preferisce trovare strade alternative e forse molto più efficaci, almeno nell’ambito locale (e sicuramente fuori dal web). Succede a Ravenna, dove la locale Radiozero sostiene di guadagnare quotidianamente consensi pagando alcune delle multe dei suoi cittadini. Funziona così: l’affezionato ascoltatore telefona durante la diretta, in alternativa manda un fax, spiegando i motivi per cui vorrebbe lamentare la multa subita. Radiozero, periodicamente travestita da fantomatica “giustiziera” dell’etere – non a caso ha registrato e messo in onda uno spot interamente dedicato all’iniziativa – seleziona alcune delle multe e le paga per conto del cittadino. Un format che nel ravennate è ormai divenuto tradizione e che ha permesso alla suddetta radio, a fronte di investimenti di tempo ed economici di qualche rilievo (per l’economia di una piccola emittente), di ottenere una media giornaliera di 30 mila ascoltatori (valore modesto in termini assoluti, ma interssante su scala ultralocale). Secondo il management, gli ascolti così incrementerebbero, anche se la redazione deve obbligatoriamente e continuamente fare attenzione a non sforare. Il budget per questa ingegnosa trovata pubblicitaria è comunque limitato, ma nonostante non si riesca evidentemente a soddisfare tutti, gli ascoltatori rimangono speranzosi per il futuro. Naturalmente le multe non le si paga a tutti. Infatti, chi ha infranto il codice della strada in maniera troppo audace viene automaticamente escluso e Radiozero, di conseguenza, tenta la chance di diventare una piccola voce moralizzatrice all’interno del mucchio. I multatori non sembrano opporre resistenza, secondo quanto affermato dagli speaker della radio, forse perché consapevoli di condurre, agli occhi della maggior parte dei cittadini, un ingrato mestiere, a causa del quale si trovano purtroppo sovra esposti al giudizio, piuttosto definitivo, del pubblico. Radiozero, che irradia il segnale su Ravenna e provincia oltre che su Forlì, Cesena, Rimini e San Marino, è una delle prime tre radio libere nate nell’area di Ravenna e limitrofi ed è tuttora costituita da giovani promesse: iniziò le trasmissioni nel 1977 e lanciò Andrea Pezzi, personaggio divenuto per qualche tempo di fama nazionale, e che proseguì la sua carriera con il programma Kitchen su Mtv, accompagnato da Nikki di Radio Deejay. (Marco Menoncello per NL)

Send Mail 2a1 - Radiozero, una radio che paga multe (degli altri)

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL