RAI. L’Espresso: ecco i numeri dell’orgia del potere

Centoquattordici parrucchieri, 67 addetti ai camerini, 66 arredatori, 61 falegnami, 18 costumisti, 12 meccanici, 34 consulenti musicali, 36 scenografi, un’orchestra leggera di 16 elementi


da Franco Abruzzo.it

Roma, 15 maggio 2008. Centoquattordici parrucchieri, 67 addetti ai camerini, 66 arredatori, 61 falegnami, 18 costumisti, 12 meccanici, 34 consulenti musicali, 36 scenografi, un’orchestra leggera di 16 elementi (indipendente da quella sinfonica della Rai di Torino con 116 musicisti) che non viene utilizzata da anni. Numeri “pesanti” quelli che l’Espresso in edicola domani pubblica in un ampio servizio dedicato alla Rai, ovvero un servizio su quella che viene chiamata “l’orgia del potere”, fornendo dell’azienda di viale Mazzini una “radiografia della scandalosa gestione della televisione pubblica”. Una tv di Stato con un esercito di 13.248 dipendenti e che conta anche oltre 43mila contratti di collaborazione. Numeri che vengono dall’interno della Rai, perche’ – a quanto si sa – riportati nero su bianco in un corposo documento dal titolo “Situazione dell’organico del Gruppo Rai” messo a punto dal cosiddetto Comitato istruttorio per l’Amministrazione, emanazione diretta dell’attuale Cda Rai e composto in formazione bipartisan da Sandro Curzi, Marco Staderini, Nino Rizzo Nervo e Giuliano Urbani. Comitato da cui arriva anche la raccomandazione di verificare “la capacita’ dei capi” di gestire risorse umane e processi produttivi. Raccomandazione anch’essa pesante. Chi e perche’ abbia passato, e proprio ora, al settimanale il documento non e’ dato saperlo. Certo e’ prevedibile l’ennesima ondata di commenti e reazioni.

Quei numeri iniziali sono – dice l’Espresso – esempi limite del ‘mare magnum’ della popolazione Rai, fatta di 9.889 contratti a tempo indeterminato per la capogruppo (11.250 in totale) e di 1.998 contratti a tempo determinato per produzione e gestione. Un totale di 13.248, “quanto gli abitanti di Lavagna; il doppio di quelli di Asolo; la meta’ di quelli di Enna”, scrive il settimanale, parlando di “radiografia aritmetica della stratificazione elefantiaca della televisione di Stato, gravata da anni di blocchi, clientelismi, raccomandazioni. Un minuzioso elenco che snida figure antropologiche-spot, presenti, non si sa perche’, soltanto in alcune sedi”. E gli esempi arrivano: un geometra, ma solo a Firenze; cinque annunciatori tra Bolzano, che ne ha tre, e Trieste, che ne ha due. Poi arrivano i numeri relativi agli addetti ai piani alti di viale Mazzini: in 28 alla segreteria del Cda d’amministrazione, in 49 alla Direzione generale (compresi i distaccati verso societa’ del gruppo), in 397 ai Servizi generali, in 114 alla Pianificazione controllo, in 142 all’Amministrazione e 133 all’Amministrazione e Abbonamenti, in 679 alle Riprese pesanti, in 252 alle Risorse umane con 21 dirigenti di fascia alta. Lo studio del Comitato istruttorio per l’Amministrazione non fa sconti: “Abnorme il numero delle strutture a diretto riporto dal vertice. Duplicazioni di attivita’. Onerosa rete di controllo formale sulla cui efficacia e’ legittimo nutrire piu’ di un dubbio. Eccessiva polverizzazione delle testate giornalistiche che non ha confronto con gli altri servizi pubblici europei”. L’organico e’ fatto poi anche di giornalisti: tra contratti a tempo indeterminato e determinato sono 1.771 (di cui 54 vice direttori, quasi cinque per ognuna delle 11 testate). Quindi 931 programmisti-registi, 76 aiuti registi, 476 assistenti ai programmi. La somma dei dipendenti di Rai Way, gestore degli impianti tv e radio (nata nel 2000, ha 648 addetti) e Sipra, la concessionaria di pubblicita’, arriva a 1.405 persone. Il documento muove obiezioni anche al numero di squadre di riprese: 22, dislocate nel territorio, non ha pari in nessun broadcaster pubblico o privato in Europa.

Quanto alla radio, tra programmi, Gr e Gr Parlamento si tocca quota 754 persone. Di Raitalia, ex Rai International, diretta da Piero Badaloni e’ detto che ha 39 giornalisti assunti (e quasi altrettanti a tempo determinato), di cui 22 sono “graduati” e cinque hanno qualifica e stipendio di vice direttori. La rete nell’insieme conta 152 persone, quanto RaiDue (153) e poco meno di RaiTre (166), scrive L’Espresso. “Un numero sorprendente visto che RaiUno, l’ammiraglia di viale Mazzini, ne ha 206”. E Rai News 24 diretta da Corradino Mineo ha un organico di 122 persone, di cui 94 giornalisti: “solo dieci in meno di quelli del Tg5 di Mediaset”, dice ancora il settimanale. Che aggiunge: “Il canale satellitare allnews rappresenta una risorsa nevralgica, anche per il futuro digitale. Ma lo share non brilla e nella sfida con l’aggressivo Tg24 di Sky (39 edizioni di telegiornali giornalieri che L’Espresso dice essere seguitissimi, 141 giornalisti), in progressivo boom di ascolti, arranca. Anche nel paragone con gli altri tg, dove la stratificazione di personale e’ gia’ degna di nota, come il Tg3 (104 giornalisti, in tutto 140 persone) o il Tg2 (126 giornalisti su 167 addetti), la squadra di Mineo appare piu’ che consistente”. E persino “il Confronto dei confronti”, cioe’ quello con il Tg1, testata diretta da Gianni Riotta, “la dice lunga”, perche’ il Tg1 conta 136 giornalisti (su un totale di 180 persone). Cioe’ “solo 40 in piu’ di Rai news”. E non manca Televideo, diretto da Antonio Bagnardi: 96 persone a disposizione, di cui 49 giornalisti. Oppure Rai Parlamento, cui L’Espresso assegna una virtuale “palma di platino per la piu’ alta densita’ di graduati”. Il direttore Giuliana Del Bufalo su una squadra di 46 addetti ha 26 sono giornalisti, e di questi, cinque sono vice direttori (“l’ultimo arrivato, si fa per dire, e’ stato Giorgio Giovanetti, ex assistente di Angelo Maria Petroni, consigliere Rai in quota Forza Italia, alla sua prima nomina operativa grazie a Del Bufalo”; altri cinque sono capi redattori, tre sono vice capi redattore, cinque sono capiservizio. E poi i dati della Tgr diretta da Angela Buttiglione: 851 persone di cui 689 giornalisti. E il Coordinamento delle sedi regionali (che non si occupa dei centri di produzione sparsi per il paese) conta 656 dipendenti. E’ vero che la Rai e’ obbligata a dare voce alle 21 regioni, come notano a viale Mazzini, ma – dice il settimanale – “1.507 addetti rappresentano un numero piu’ che pulp”.

C’e’ poi il capitolo cause di lavoro: mille quelle in corso, 100mila euro il costo medio di ognuna, 150 circa l’anno quelle in cui la Rai viene sconfitta (15 milioni di euro circa tra avvocati e risarcimenti). Motivi? Soprattutto il reintegro delle funzioni e i riconoscimenti del lavoro precario, “vero motore propulsivo e produttivo dell’azienda che deve a questa forza buona parte della messa in onda dei programmi”. Eppure la Direzione produzione Rai conta 3851 persone. E qui scatta il confronto con il numero di dipendenti del Gruppo Mediaset, che arriva a 4635 unita’, di cui 4506 a tempo indeterminato. Ma nonostante la mole del personale (che, secondo le previsioni, entro il 2009, e’ destinato ad aumentare di altre 1732 unita’, a meno di nuove soluzioni gestionali e sindacali), il 22% delle produzioni Rai e’ affidato all’esterno. Di qui le conclusioni degli analisi, ovvero insistono nella necessita’ di una pianificazione strategica con regole aziendali rigide “che impongano alle direzioni editoriali – scrivono, e L’Espresso riporta – di saturare prioritariamente le risorse interne. E di verificare, vista la significativa dimensione d’organico, con una doverosa, attenta ricognizione, la loro affidabilita’ professionale e la capacita’ dei ‘capi’, a ogni livello di responsabilita’, di governare uomini e processi produttivi”. (AGI)

printfriendly pdf button - RAI. L'Espresso: ecco i numeri dell'orgia del potere