Riforma forense. Governo insensibile ad istanze giovani professionisti e consumatori prosegue su propria strada. Nessun emendamento

Il governo non ha intenzione di presentare emendamenti al ddl sulla riforma forense in discussione al Senato. Lo ha riferito il ministro della Giustizia Angelino Alfano, che fino ad ora non ha fatto mistero di essere schierato dalla parte dell’avvocatura consolidata.

Le "poche perplessità che ci sono si possono superare con proposte emendative parlamentari" ha aggiunto il Guardasigilli auspicando che la riforma "giunga in tempi rapidi alla sua approvazione" e che "la riforma forense deve segnare a nostro avviso primo passo di un piu’ ampio progetto di riordino delle libere professioni". Intanto però i giovani professionisti (che sarebbero pesantemente penalizzati da un’eventuale approvazione del testo Alfano) e i consumatori (che, insieme alle aziende, sarebbero danneggiati dalla reintroduzione dei minimi tariffari e dalla nuove riserve di attività di consulenza legale) non ci stanno e annunciano l’intensificazione di azioni di sensibilizzazione pubblica e politica sull’argomento, trovando una valida sponda nei Radicali. "Purtroppo l’intervento al Senato sulla professione forense del ministro Angiolino Alfano ha confermato l’impostazione della maggioranza di proseguire l’iter della Controriforma all’esame del Senato. Un avanti tutta, che in realta’ e’ un ritorno al passato, non verso una riforma liberale come richiesto dall’Unione Europea, ma verso un sistema chiuso e corporativo che non tutelera’ ne’ i giovani e bravi professionisti, ne’ gli utenti, ma garantira’ solo le rendite di posizione", ha dichiarato ieri la senatrice radicale Donatella Poretti. Che ha aggiunto: "Sono di pochi giorni fa le dichiarazioni dello stesso ministro che palesemente metteva il Governo al servizio non di tutti i cittadini, ma solo di alcuni. Ad un incontro della Cassa nazionale forense infatti sosteneva che: “I presidenti degli ordini sono gli interlocutori per la riscrittura delle regole” mentre “i presidenti delle casse sono i responsabili per quanto riguarda la riscrittura delle norme sul welfare”. Un modello di Stato corporativo e le “riforme” in perfetto stile consociativo che pensavamo aver lasciato al Secolo scorso… L’intreccio mortale e soffocante tra politica e libere professioni, puo’ sembrare allettante in alcune circostanze, ma attenzione puo’ ritorcersi contro e da liberi i professionisti potrebbero ritrovarsi al guinzaglio! Dalla prossima settimana saremo in aula con i nostri emendamenti a difesa di una riforma liberale della professione forense”. (A.M. per NL)
 
 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Riforma forense. Governo insensibile ad istanze giovani professionisti e consumatori prosegue su propria strada. Nessun emendamento

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL