Riforma Rai. Pierfrancesco Gallizzi (Fnsi): “Ok, ma Renzi non dimentichi le radio e le tv locali”

"Renzi ha ragione quando dice che senza la riforma della Rai, come motore identitario e culturale del Paese, non saremo in grado di fare un investimento nel Paese.

Allo stesso tempo, però, il premier non dimentichi le moltissime televisioni e radio locali che, a causa della crisi economica, hanno chiuso o stanno per chiudere. Realtà che, di fatto, offrono un servizio pubblico ai cittadini informandoli su ciò che accade nelle loro città e nei loro paesi". Lo dice Pierfrancesco Gallizzi, consigliere della Federazione Nazionale della Stampa Italiana e vicepresidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti, a nome del Movimento Liberi Giornalisti, commentando quanto dichiarato oggi dal presidente del Consiglio. "Governo e Parlamento, dunque – aggiunge Gallizzi in una nota – diano un segnale forte a favore delle televisioni e radio locali che autoproducono telegiornali e programmi d’informazione utilizzando propri dipendenti. Solo così, come da tempo sostiene anche il segretario nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, Paolo Pirovano, potremo impedire di mettere la parola fine a quei media che ancora riescono a dare notizie locali diventando, appunto, motore identitario e culturale del Paese". ”La crisi della pubblicità e più in generale del sistema produttivo italiano – conclude Gallizzi – non permettono a moltissime di queste aziende di andare avanti. Alcune hanno già chiuso, altre lo stanno per fare. Altre ancora hanno deciso di dedicarsi solo alle televendite. Destinare risorse pubbliche o una quota del canone Rai alle televisioni e radio locali che autoproducono telegiornali e programmi d’informazione sarebbe anche un gesto di grande senso civico". (Adnkronos)
printfriendly pdf button - Riforma Rai. Pierfrancesco Gallizzi (Fnsi): “Ok, ma Renzi non dimentichi le radio e le tv locali”