Soppressione provvidenze editoria a radio e tv locali. Oggi alle 12.30 oltre 200 emittenti protesteranno a reti unificate contro la cancellazione dell’informazione libera ed indipendente

Oggi le radio locali spingeranno al massimo con la protesta contro la soppressione dei fondi per chi fa informazione voluta dal Governo (con decisione ratificata dal parlamento). Oltre alle consuete migliaia di spot di protesta che anche oggi andranno in onda, duecento tra le radio locali italiane più impegnate nell’informazione, alle 12,30, trasmetteranno a reti unificate un programma per sensibilizzare il pubblico sui rischi che stanno correndo gli organi di informazione liberi ed indipendenti. L’iniziativa di contrasto è stata avviata dall’agenzia di stampa Area, colpita di riflesso e pesantemente dalla soppressione delle provvidenze per l’editoria (i suoi servizi, così come quelli delle altre agenzie, non saranno più parzialmente rimborsati dallo Stato per sostenere la produzione la diffusione dell’informazione), che diffonderà sul proprio circuito la trasmissione di mezzogiorno contro ”un provvedimento che mette a repentaglio la sopravvivenza di centinaia di testate dell’emittenza locale ed alcune decine di piccoli quotidiani”. provvidenze%20editoria%20protesta%20soppressione - Soppressione provvidenze editoria a radio e tv locali. Oggi alle 12.30 oltre 200 emittenti protesteranno a reti unificate contro la cancellazione dell'informazione libera ed indipendentePer Area la decisione governativa inserita all’ultimo minuto in sede di conversione in legge del DL Milleproroghe, senza concertazione con le rappresentanze delle emittenti e confermata dal Parlamento, è ”grave, e senza precedenti" anche in relazione al fatto che interviene "retroattivamente sui bilanci aziendali dell’anno passato”. La protesta vuol richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica sulla ”funzione delle emittenti radiofoniche locali è preziosa e insostituibile: centinaia di voci che raccontano la vita delle diverse realtà locali. La decisione di tagliare questi fondi, che negli ultimi anni sono già stati ridotti del 20%, limita drasticamente il diritto dei cittadini di conoscere la realtà profonda del Paese e di esercitare un controllo, libero e indipendente, del potere diffuso rappresentando una limitazione della vita democratica”. (A.M. per NL)

 
* In apertura il manifesto della protesta della FNSI del 3 ottobre 2009 per la libertà di stampa 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Soppressione provvidenze editoria a radio e tv locali. Oggi alle 12.30 oltre 200 emittenti protesteranno a reti unificate contro la cancellazione dell'informazione libera ed indipendente

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL