Soppressione provvidenze editoria: protesta anche il Comitato Radio TV Locali

Il Comitato delle radio e delle televisioni locali si aggiunge alle proteste delle associazioni di categoria in merito alla soppressione delle provvidenze dell’editoria.

E aggiunge "che le TV Locali, nelle aree di prossima conversione al digitale, stanno ancora attendendo le modalità di distribuzione dei fondi stanziati a sostegno per la conversione degli impianti in digitale terrestre". "Stavamo attendendo una modifica alla legge 448/2001, per una più equa distribuzione dei contributi a sostegno delle TV locali" – spiega il CRTVL in un comunicato inviatoci oggi – e la modalità di erogazione dei fondi per la conversione degli impianti trasmissivi in tecnica digitale" e invece è pervenuta "la decisione del Governo di sopprimere le provvidenze dell’editoria". Continua quindi la nota "Riassumendo:  1. la pubblicità nazionale è appannaggio dei soliti noti grandi gruppi Radiotelevisivi;  2. la crisi ha visto una riduzione della pubblicità locale e delle televendite di almeno il 30%; 3. Le TV locali devono far fronte alle enormi spese di conversione degli impianti trasmissivi sul nuovo standard digitale imposto dall’Europa e, a riguardo delle aree di ormai imminente digitalizzazione, non sono ancora pervenute le modalità di distribuzione dei fondi stanziati a sostegno; 4. la legge 448/2001, va ad appannaggio di pochissime TV locali; 5. i grandi soliti noti gruppi Radio Televisivi, insieme alle poche TV Locali “in grazia” della legge 448/2001, cercano di regolamentare le numerazioni sul telecomando (L.C.N.) a loro esclusivo vantaggio, nel tentativo di relegare a posizioni remote quasi tutte le locali “bruciando” i loro 20 anni di avviamento; 6. l’Autorità a Garanzia della Concorrenza e del Mercato ha appena avviato un procedimento conoscitivo. Forse le attuali norme sulle limitazioni degli accentramenti di potere nel settore non sono sufficienti?; 7. i grandi, soliti, gruppi radiotelevisivi, hanno fanno incetta di canali e reti locali ormai sull’orlo del tracollo finanziario; 8. il governo sopprime le provvidenze dell’editoria alle radio e TV Locali. Chi vuole tutto questo? Chi vuole il controllo dell’informazione e dei media?"

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Soppressione provvidenze editoria: protesta anche il Comitato Radio TV Locali

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL