Spagna, TV. Telecinco: risultato pari a 242,38 milioni di euro escludendo l’ammortamento degli “intangible assets” derivanti dall’acquisizione di Endemol

Telecinco conferma la leadership in termini di raccolta pubblicitaria televisiva sia netta (670,80 milioni di euro) sia lorda (703,68 milioni di euro). Questi valori consentono a Telecinco di aumentare la propria quota di mercato


Comunicato stampa Mediaset

L’utile netto di Telecinco raggiunge 242,38 milioni di euro, inferiore solo del 7,8% a quello dello stesso periodo del 2007, in quanto include l’effetto contabile dell’ammortamento di “intangible assets” identificati in sede di allocazione del goodwill connesso all’acquisizione di Endemol.
Telecinco conferma la leadership in termini di raccolta pubblicitaria televisiva sia netta (670,80 milioni di euro) sia lorda (703,68 milioni di euro). Questi valori consentono a Telecinco di aumentare la propria quota di mercato.
Il rigoroso controllo dei costi, che si mantengono sostanzialmente invariati (lieve incremento dello 0,3%), e la solidità dell’EBIT (44,1%) e dell’EBITDA rettificato (44,8%) consentono a Telecinco di confermarsi una delle reti televisive più redditizie d’Europa pur in un contesto economico generale non favorevole.
Telecinco mantiene il primato in termini di margini finanziari e di generazione di cassa e si conferma leader d’ascolti (18,4%), con solidi risultati sia in prime time (20,3%) e sul target commerciale, sia nell’intera giornata (20,1%) e nell’orario di maggior successo (22%).
Nell’attuale congiuntura economica e finanziaria non positiva sia a livello nazionale che internazionale, Telecinco ha ottenuto un utile netto di 228,38 milioni di euro durante i primi nove mesi del 2008. Questa cifra evidenzia la solida posizione della rete televisiva nel settore e la colloca, ancora una volta, tra le televisioni più redditizie d’Europa, con una riduzione contenuta al 13,1% rispetto allo stesso periodo del 2007, valore che si stabilizza al 7,8% se si isola l’impatto dell’ammortamento di “intangible assets” all’interno di Endemol, pari a 14 milioni di euro*. Se non si considera tale dato, l’utile netto rettificato si colloca a 242,38 milioni di euro (contro i 262,82 milioni di euro dello stesso periodo del 2007).

*Questa differenza di 14 milioni di euro tra l’utile netto e il suo valore rettificato si deve all’impatto sulla società alla quale è in capo la partecipazione degli ammortamenti di intangibili di Endemol (prodotto dalla differenza tra il prezzo pagato dagli attuali azionisti e il valore netto contabile del gruppo al momento dell’acquisto). Si tratta di un impatto puramente contabile, che non altera il valore della società né la generazione di cassa.

La leadership d’ascolti si è confermata in un periodo di forte concorrenza, raggiungendo cifre ancora più solide nel prime time (fascia oraria nella quale Telecinco mantiene lo stesso dato dell’anno precedente) e sul target commerciale, parametri che permettono alla televisione di aumentare il distacco rispetto alla seconda e terza rete della classifica.

Tale leadership affiancata dalla gestione commerciale operata da Publiespaña e la politica di controllo dei costi, ha permesso a Telecinco di continuare ad avere indici di redditività senza paragone all’interno del mercato, con un Margine Operativo Lordo (MOL) rettificato che ha raggiunto 329,43 milioni di euro (44,8% del margine sui ricavi netti) e un EBIT di 324,29 milioni di euro, che equivale ad un margine del 44,1% sui ricavi netti.

Per quanto riguarda i costi operativi totali, si sono attestati più o meno allo stesso livello dello scorso anno, con un leggero incremento dello 0,3%.

Telecinco, attraverso Grupo Publiespaña, raggiunge 670,80 milioni di euro di ricavi pubblicitari netti

I ricavi pubblicitari lordi di Telecinco tra gennaio e settembre ammontano a 703,68 milioni di euro – solo il 6,2% in meno rispetto al risultato dell’anno precedente – mentre i ricavi pubblicitari netti sono di 670,80 milioni di euro, un dato che evidenzia l’efficacia della gestione operata dal Grupo Publiespaña.
Questo risultato ha permesso alla rete televisiva di confermare la sua leadership pubblicitaria e aumentare la propria quota di mercato, pari al 31,4% alla fine del primo semestre del 2008.
A tale risultato ha contribuito Publimedia Gestión, filiale del Grupo Publiespaña che si occupa della commercializzazione dei contenuti audiovisivi su piattaforme come il digitale terrestre, la tv via cavo, l’outdoor advertising e la stampa, e Advanced Media, dedicata alla gestione commerciale di Internet e della telefonia cellulare. Entrambi i ricavi, infatti, hanno registrato una crescita rispetto al 2007.

Telecinco, leader d’ascolti durante l’anno, si impone sul prime time e si consolida sul target commerciale

Telecinco ha dimostrato ancora una volta la sua capacità di stabilire appuntamenti fissi con i telespettatori che si mantengono fedeli alla sua offerta composta da serie televisive, programmi di produzione propria e spazi informativi.
Tra gennaio e settembre, Telecinco è stata la rete più vista in Spagna con una share del 18,4%, 1,7 punti in più di TVE 1 (16,7%) e 2,4 punti sopra Antena 3 che si è posizionata terza con un 16%.
Questa leadership nell’intera giornata si conferma nelle principali fasce orarie e soprattutto in prime time, dove si concentrano i maggior investimenti pubblicitari. In questa fascia, Telecinco (20,3%) conferma il dato registrato l’anno precedente, incrementando in maniera notevole la distanza dai suoi principali concorrenti fino a raggiungere nuovamente i suoi massimi storici: 4,6 punti oltre TVE 1 (15,7%) e 4,8 punti in più di Antena 3 (15,5%).
Per quanto riguarda il target commerciale, Telecinco è tornata a essere leader durante il primo semestre del 2008 con un 20,1% di quota, dato che cresce fino al 22% nella fascia oraria di prime time. Questi dati segnano una distanza di 3,8 e 6,3 punti rispetto ad Antena 3 (rispettivamente 16,3% e 15,7%) e di 6,8 e 9,3 punti su TVE 1 (rispettivamente 13,3% e 12,7%).

Madrid, 30 ottobre 2008

printfriendly pdf button - Spagna, TV. Telecinco: risultato pari a 242,38 milioni di euro escludendo l'ammortamento degli "intangible assets" derivanti dall'acquisizione di Endemol