Testate online: cresce la pubblicità, ma si fatica a rimanere sul mercato. Così chiude Varesenotizie

La pubblicità sul web è quella che segna la crescita maggiore, ma nonostante ciò un altro pezzo della galassia della comunicazione online sparisce.

La proprietà di www.Varesenotizie.it ha deciso di chiudere la testata dal 31 gennaio, dopo un periodo di difficoltà nel pagamento degli stipendi. Eppure questo giornale svolgeva un’attenta informazione nel Varesotto e, soprattutto, come ha dichiarato il direttore Alessandro Madron, a capo della redazione negli ultimi due anni, “certo, mi sarei aspettato una fine migliore, ma anche questo è il segno evidente del declino della politica dell’apparire che sta mostrando tutti i suoi limiti, tanto a livello nazionale quanto in quello locale. È inf atti bene rimarcare che Varesenotizie si proponeva ai suoi lettori come la testata di riferimento di un’area politica ben precisa, quella "laica" del Pdl…" (dichiarazione rilasciata a www.CastellanzainRete.it il 1 febbraio). La crisi economica certamente ha avuto il suo peso, con la difficoltà di trovare sempre nuovi inserzionisti, ma la testata segnalava una costante crescita di contatti giornalieri; anzi a metà gennaio era stato approvato un piano rivolto all’espansione del giornale, compreso il restyling del sito e una politica di nuove assunzioni. Perché, dunque, questo precipitare della situazione? Mistero. Madron aveva preso la direzione del giornale nel marzo del 2009, dopo le dimissioni del direttore Diaferia, in un momento in cui la testata era in pieno start up. La provincia di Varese ha un altro quotidiano online, www.Varesenews.it, una testata dinamica e puntuale nell’informazione, ma ora resta la sola voce del varesotto. (A.V. per NL)
printfriendly pdf button - Testate online: cresce la pubblicità, ma si fatica a rimanere sul mercato. Così chiude Varesenotizie