Tlc. Banda larga. L’Italia dopo la Slovenia

Riceviamo e pubblichiamo da ADUC – Entro il 2015 tre quarti delle abitazioni tedesche avranno accesso alla banda larga con collegamenti a 50 Megabit al secondo. Ad affermarlo il cancelliere tedesco Angela Merkel durante la cerimonia di inaugurazione del Cebit, la fiera dell’Ict  ad Hannover. E l’Italia? il sottosegretario allo Sviluppo Economico, con delega alle comunicazioni, Paolo Romani, ha annunciato, lo scorso anno, l’avvio dei lavori di una task force (quando c’e’ un problema che non si riesce a risolvere si annuncia sempre una task force) con l’obiettivo di coprire con la banda larghissima (oltre 20 megabit) tutti gli italiani entro il 2013. Sta di fatto che l’Italia e’ tra gli ultimi posti in Europa e ormai anche Spagna e Slovenia ci hanno superati, il Portogallo e’ un soffio alle nostre spalle e non ci sono risorse ne’ pubbliche ne’ private per creare una rete di nuova generazione in Italia. Insomma continueremo ad essere tra gli ultimi in Europa con la prospettiva di diventare
definitivamente… ultimi.

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

printfriendly pdf button - Tlc. Banda larga. L'Italia dopo la Slovenia
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Tlc. Banda larga. L'Italia dopo la Slovenia

Lifegate, Roveda: siamo l’opposto di una radio commerciale. Ma non siamo comunitari

IN ARRIVO