Home Varie Tlc. Tim: il brand Kena Mobile continua a crescere e vuole competere...

Tlc. Tim: il brand Kena Mobile continua a crescere e vuole competere con Iliad

kena mobile

Il debutto di Iliad sul mercato della telefonia mobile ha provocato un grande rumore, il cui eco si fa ancora sentire: ben un milione di clienti in meno di due mesi.
Tim, per contrastare la vantaggiosa offerta commerciale dell’azienda francese, da marzo 2018 ha lanciato sul mercato Kena Mobile, brand che identifica un operatore low cost specializzato in telefonia wholesale e retail del Gruppo Telecom Italia S.p.A., il quale ne ha la direzione ed il controllo.

Il provider, a differenza di Iliad, ha deciso di cominciare con una fase “di prova” senza battage pubblicitario, confidando sul passaparola dei clienti che hanno già avuto modo di attivare le offerte sul portale o attraverso call center.
Amos Genish, a.d. di Tim, in una conference call di qualche giorno fa ha messo in evidenza i buoni risultati ottenuti fino ad oggi: Kena a metà giugno ha raggiunto mezzo milione di nuovi utenti, senza sostenere elevati costi pubblicitari e, sopratutto, senza cannibalizzare Tim.
Kena Mobile, infatti, non è ovviamente nata con lo scopo di competere in house con Telecom, ma è stata creata per il mass market e per conquistare la fascia c.d. entry level dei consumatori: una sorta di alternativa low cost della casa madre Tim.

Tuttavia, sono ancora molte le cose da fare per stare al passo con i tempi e per cercare di fare concorrenza ad Iliad.
I prossimi passi del nuovo brand sono stati illustrati da Genish, che – come riportato dal quotidiano Italia Oggi – così spiega le strategie: “Kena dovrà evolvere al 4G e offrire quindi una proposta di maggiore valore. Inoltre, dal prossimo anno aggiungeremo prodotti fissi al mobile, perché serve spingere sulla convergenza”.
Non solo: il manager ha espresso, in aggiunta, il desiderio di collaborare con Open Fiber – noto player infrastrutturale che ha quale mission realizzare una rete in fibra ottica a banda ultra larga quanto più diramata e veloce possibile – per inserirsi nell’allettante mercato della broadband. Va pur detto, però che, almeno sino ad ora, non è ancora stata intavolata alcuna trattativa. (D.D. per NL)