Tv. Bbc News: tagli per 100 milioni in 5 anni. A fine marzo una riorganizzazione editoriale

Il nuovo piano di spesa comporterà tagli, entro il 2022, di oltre 100 milioni di euro. Il governo interviene a supporto della redazione internazionale. Previsto per fine marzo un riassetto editoriale.

Bbc News dovrà fare i conti con il nuovo piano di spesa dell’emittente britannica, risparmiando 80 milioni di sterline (103 milioni di euro) entro il 2022. Una dieta forzata che è solo uno degli aspetti della più generale campagna di tagli in programma alla Bbc, che ammonta ad un totale di ben 550 milioni di sterline (704,4 milioni di euro). Viene da sé che la chiusura del rubinetto dei fondi porterà, inevitabilmente, ad un riassetto dell’operatività redazionale. A questo proposito è intervenuto proprio James Harding, responsabile dell’area news, che ha sottolineato come «d’ora in poi non potremo più fare tutto quello che facevamo prima». Sempre Harding ha annunciato che la riorganizzazione delle attività redazionali avverrà verso fine marzo, anche se ancora non si è deciso quali servizi subiranno gli interventi più drastici; va detto però che le previsioni sulla raccolta pubblicitaria fanno tremare soprattutto il portale internet “bbc.com” e Bbc world news. L’importanza strategica della redazione internazionale rimane però elevata: proprio secondo questa prospettiva va inquadrato l’intervento del governo britannico, che ha stanziato 35 milioni di sterline (44,8 milioni di euro) per l’anno a venire, e altri 85 milioni per i successivi 3 anni (109 milioni di euro). La sola area news di Bbc conta 7400 dipendenti, sul totale dei 18000 lavoratori dell’emittente tv e radio d’oltremanica; il primo obiettivo sarà quello di arrivare a fine 2017 avendo risparmiato almeno 5 milioni di sterline (6,4 milioni di euro). Ancora non sono stati annunciati licenziamenti; tuttavia con i tagli in programma è forte il rischio per qualche testa di saltare. (G.C. per NL)
printfriendly pdf button - Tv. Bbc News: tagli per 100 milioni in 5 anni. A fine marzo una riorganizzazione editoriale