Tv locali, Lombardia: giornalisti di Telenova: “Non svendete l’emittente”

I giornalisti di Telenova sono contrari "alla svendita" dell’emittente storica del mondo cattolico, dopo aver ricevuto la comunicazione della messa sul mercato della televisione da parte della Società Multimedia San Paolo, e chiedono garanzie per i 38 posti di lavoro, 9 dei quali di redattori.

"È una decisione che sorprende – sottolinea l’assemblea in una nota -. Il mondo cattolico perderebbe una voce storica, importante e necessaria nel panorama dell’informazione. Il rischio, oltretutto, è che Telenova sia trasformata in uno dei tanti canali che si finanziano con programmi e pubblicità a luci rosse o legati al gioco d’azzardo in contraddizione con la tradizione e i valori della Chiesa". I lavoratori temono "per il futuro delle 38 famiglie dei dipendenti che, in caso di una vendita senza le dovute garanzie, potrebbero essere lasciati a casa dal nuovo proprietario in mancanza di un progetto editoriale. Questa pare la scelta della Società Multimedia San Paolo, una decisione che di certo non è allineata al messaggio di Papa Francesco sulla dignità del lavoro e della persona, alle parole dell’Arcivescovo di Milano Angelo Scola e alla volontà del fondatore della Società San Paolo Don Giacomo Alberione". In particolare la rappresentanza sindacale dei giornalisti chiede "una vendita solamente a chi garantirà la tutela occupazionale; la cessione a una realtà solida con un progetto editoriale di qualità e risorse reali evitando di vendere il canale ad avventurieri che puntino solamente ad incassare i soldi della rottamazione delle frequenze. E infine chiede che in caso di fallimento o di licenziamenti da parte della nuova società nei primi cinque anni dalla data della cessione, a riassumere i dipendenti che hanno perso il posto di lavoro". (ANSA)
printfriendly pdf button - Tv locali, Lombardia: giornalisti di Telenova: “Non svendete l’emittente”