Tv locali: l’ottimo esordio di Servizio Pubblico di Santoro fa pensare ad un terzo polo alternativo a La 7

Ma sì, forse ha ragione Carlo Freccero. In un’intervista rilasciata al Fatto Quotidiano e pubblicata oggi, il direttore di Rai4 mette un punto e va a capo.

Spazziamo il vecchio. – dice – Andiamo oltre il nemico, il contraddittorio, il pesetto di maggioranza. Non c’è bisogno di avere la Santanchè o Ghedini. Questa comunità ha rivoluzionato la televisione. Stringiamoci intorno al nuovo, e smettiamola di creare teatrini e presepi con chi dice qualcosa e chi replica col contrario”. Ed, in effetti, da Santoro contraddittorio non ce n’è stato e né se ne è sentita la necessità. È un modello considerato superato da questi pionieri, un modello che invece di puntare sulla eticità dell’informazione continua a fornire due versioni del mondo antitetiche e incompatibili, che confondono e creano antagonismi e radicalismi. Però Parenzo, da vecchio lupo della televisione, ha deciso di prendere la palla al balzo, sfruttare questo trend e questo momento di popolarità straordinaria cercando di farlo fruttare al massimo. Come è accaduto pochi mesi con La7, allorquando la tv di Ti Media sembrava sul punto di trasformarsi in un terzo polo forte e politicamente rivale, con tutti i volti scomodi della Rai che sembravano sul punto di fare il salto della quaglia e accasarsi alla corte di Ruffini (seguendo la strada tracciata da Mentana e poi seguita da Saviano, Formigli, Parodi, Prodi), oggi Mediapason, editrice di Telelombardia, Antenna 3 Lombardia, Canale 6 e Videogruppo (giusto per parlare solo dei canali di derivazione analogica), che trasmettono Servizio Pubblico, sembra diventata il nuovo eldorado di chi è d’accordo sul nuovo concetto di televisione che si sta lanciando. Questo trend, qualora venisse confermato, porterebbe, però, inevitabilmente, alla creazione di un contraddittorio in rete. Il nome caldo che si è sentito in queste ore è quello di Giuliano Ferrara, agonizzante nella Rai del suo padrone, con ascolti che avrebbero già fatto saltare sedie meno prestigiose della sua. “All’inizio ci chiamavano tv libere – spiega Sandro Parenzo, presidente di Mediapason -. Adesso riprendiamo quella vocazione, ma senza connotazioni ideologiche, con la nuova trasmissione Servizio Pubblico di Michele Santoro. Ho sentito anche Giuliano Ferrara che si è detto interessato a traslocare dalla Rai, alla fine di Radio Londra. Coinvolgerei anche Vittorio Feltri – rivela, poi – ma non ha voglia di fare tv ed è anche costoso. Già con Santoro, comunque, dimostreremo di poter fare grandi numeri con un format forte”. E i grandi numeri, in effetti, dopo la prima puntata sono arrivati. 2 milioni e 300 mila spettatori circa hanno seguito il programma sul circuito locale. Almeno un altro mezzo milione – qui i dati sono ancora provvisori – lo hanno fatto in streaming, dai siti di Corriere, Repubblica, il Fatto e Servizio Pubblico. Santoro, nei piani di Parenzo, servirà come testa di ponte per far affezionare gli spettatori a questo nuovo circuito e farli abituare all’idea di una fruizione alternativa al duopolio. Poi verranno altri nomi, si creeranno contradditori, sperando di non tornare a vecchie formule, trite e ritrite, e non far entrare i poteri classici dalla porta di servizio. (G.M. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Tv locali: l'ottimo esordio di Servizio Pubblico di Santoro fa pensare ad un terzo polo alternativo a La 7

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL