Tv locali, riforma erogazione contributi. Dopo osservazioni a linee guida si va a provvedimento definitivo

Anche il numero di giornalisti assunti e gli ascolti Auditel tra i criteri dei punteggi per l’assegnazione dei fondi. E’ scaduto il 3 giugno 2016 il termine per presentare per osservazioni e commenti sulle Linee guida del nuovo Regolamento per l’erogazione dei contributi alle tv e alle radio locali, pubblicate dal Ministero dello Sviluppo Economico sul proprio sito.
Il Regolamento che sarà adottato tenderà a premiare i soggetti che investono nell’attività editoriale di maggiore qualità, “ossia quelli che siano in grado, più di altri, di fornire un adeguato servizio di diffusione dell’informazione a livello locale, anche mediante l’impiego di dipendenti/giornalisti qualificati e di tecnologie innovative”. In sostanza, si cercherà di superare la principale criticità del passato, quando si tendeva a non differenziare i contributi in base a criteri di merito. Per esempio, saranno ammesse ad usufruire dei contributi le emittenti tv che “non abbiano nei propri palinsesti più del 10 per cento di programmi di televendite, giochi e cartomanzia nelle fasce orarie tra le 7 e le 23”. E ancora, saranno assegnati punteggi in base al numero medio di giornalisti occupati nel biennio precedente e in base agli indici di ascolti medio ponderati con il numero dei contatti secondo le rilevazioni fornite da Auditel nell’anno precedente al bando. Scopo della riforma è anche la semplificazione della procedura di erogazione dei contributi. E’ la Legge di stabilità 2016 (legge 28 dicembre 2015) ad aver stabilito i 4 principi in base ai quali saranno stabiliti i criteri di erogazione dei contributi, e cioè la promozione del pluralismo dell’informazione, il sostegno all’occupazione nel settore, il miglioramento dei livelli qualitativi dei contenuti forniti e l’incentivazione all’uso di tecnologie innovative. La stessa Legge di stabilità ha aumentato i contributi alle tv e radio locali di un importo “fino a 50 milioni” che sarà ricavato dall’eventuale aumento del gettito dal canone Rai. Il nuovo Regolamento verrà adottato su proposta del Mise di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze. (E.G. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Tv locali, riforma erogazione contributi. Dopo osservazioni a linee guida si va a provvedimento definitivo

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL