Tv. Vivendi fa dietrofront: solo il 20% di Premium e il 15% di Mediaset

Ci hanno ripensato in Francia a causa di un disaccordo sulla valutazione di Premium; ora da Vivendi chiedono solo il 20% della pay tv e di salire fino al 15% di Mediaset in tre anni. Tonfo del titolo Mediaset a Piazza Affari in risposta alla notizia.

Vivendi ingrana la retromarcia sul suo accordo con Mediaset per l’acquisizione della pay tv Premium; il gruppo francese, infatti, non è più interessato ad acquisire il 100% della tv a pagamento di Cologno ma propone adesso di acquistarne solo il 20%, confermare lo scambio del 3,5% delle azioni fra le due società e poi salire, in una seconda fase, nel capitale di Mediaset stessa, arrivando al 15% in tre anni. Insomma i francesi non sono più tanto sicuri che accaparrarsi Premium sia un buon affare e preferiscono mettere le mani direttamente su parte della controllante; la ragione di questo cambio di rotta, fanno sapere da Vivendi, risiederebbe in alcune “divergenze significative nell’analisi dei risultati della sua filiale di Pay Tv Mediaset Premium” che i francesi avrebbero esposto “con una lettera datata 21 giugno” inviata da Vincent Bolloré; per questo motivo, la holding d’oltralpe avrebbe “fatto, ieri, una proposta a Mediaset per trovare un nuovo accordo in termini differenti e proseguire le discussioni” confermando quindi “la sua volontà di costruire un’alleanza”. Non sono dello stesso avviso a Mediaset dove, con un secco comunicato stampa, viene sostenuto come “la comunicazione di Vivendi costituisce per Mediaset una novità assoluta e non concordata” che è in “palese contraddizione con gli impegni assunti da Vivendi mediante il contratto firmato l’8 aprile scorso”. Viene inoltre sostenuto, con toni decisamente minatori, come “il Consiglio di Amministrazione di Mediaset, già convocato per il 28 luglio, prenderà ufficialmente posizione su detta proposta e sulla gravissima comunicazione dell’Amministratore Delegato di Vivendi”. La sensazione è, più che altro, che il Biscione abbia ora il dubbio di non riuscire a liberarsi così facilmente come credeva della zavorra Premium che pesa ormai da anni sui suoi bilanci e che dal canto suo Vivendi, dopo i pessimi risultati di Canal+ e di Watchever (che hanno spinto addirittura a parlare di chiusura definitiva) voglia andarci più cauta con gli investimenti nel settore. I rapporti fra le due società, inoltre, sono da maneggiare con cura per Cologno, visto il peso che Vivendi ha nella cessione degli asset di Inwit, essendo azionista di maggioranza del suo controllore Telecom. Nel frattempo, Piazza Affari reagisce alla notizia con un crollo del titolo Mediaset che ha già superato il -10%. (E.V. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Tv. Vivendi fa dietrofront: solo il 20% di Premium e il 15% di Mediaset

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL