USA: anche i blogger possono definirsi giornalisti

La decisione presa dal tribunale federale della South Carolina indica che senz’altro almeno alcuni blogger meritano di chiamarsi giornalisti


da Franco Abruzzo.it

New York, 6 novembre 2007. Quando l’americano Philip Smith ha usato il suo blog per descrivere la sua esperienza (negativa) di lavoro, non pensava che sarebbe finito col diventare simbolo di un passaggio epocale: travolto da una causa di diffamazione intentata dalla sua ex azienda, ha non solo vinto in tribunale, ma è assurto a una sorta di eroe dei blogger di tutto il mondo che sperano di essere considerati come dei veri giornalisti. La decisione presa dal tribunale federale della South Carolina indica che senz’altro almeno alcuni blogger meritano di chiamarsi giornalisti. Secondo il giudice Henry Hurlong, Jr. si può considerare giornalista chiunque faccia del giornalismo e i blogger che fanno giornalismo su Internet hanno gli stessi diritti e privilegi previsti dalla legge federale per i “veri” giornalisti. Tra cui, appunto, la libertà di espressione, con cui Smith ha potuto raccontare nel suo blog dell’esperienza come dipendente di BidZirk, un’azienda che vende su eBay, e dei servizi di listing su eBay in generale; nel suo articolo, Smith forniva una serie di caveat utili per chi si appresta a usufruire di tali servizi. BidZirk ha fatto causa a Smith per aver usato il logo dell’azienda, per aver descritto il proprietario della società Daniel Schmidt come uno “yes man”, e per aver pubblicato una foto sua e di sua moglie, accusandolo di diffamazione e violazione della privacy. La corte federale ha considerato però Smith un vero giornalista, esaminando non il “formato” in cui il suo articolo era scritto, ma il “contenuto”: un intervento in cui, da vero giornalista, trasmetteva informazioni, frutto di ricerche accurate. La conclusione è che “alcuni blogger sono senza dubbio giornalisti”. E hanno libertà di parola. (9Colonne)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - USA: anche i blogger possono definirsi giornalisti

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL