Wall Street Journal – NewsCorp alla stretta finale

L’offerta di Murdoch è stata già accettata dal CdA, alcuni membri della famiglia Bancroft oppongono ancora resistenza


Raggiunto l’accordo che dovrebbe garantire la massima indipendenza del gruppo editoriale in caso d’acquisizione da parte di NewsCorp, l’affare Murdoch-Wall Street Journal pare essere arrivato al rush finale. Il sito del Wsj, proprio l’altro ieri riportava queste news sulla proposta d’acquisto: “la situazione rimane fluida, e ci sono alcuni membri (dei Bancroft) che continuano in privato ad avere resistenze sulla vendita di Dow Jones”. Insomma, il CdA sarebbe d’accordo, mentre i Bancroft (che, in qualsiasi momento, possono esercitare il proprio diritto di veto; la propria categoria d’azioni valuta ciascun voto della famiglia come dieci voti di un normale azionista) non sono ancora convinti dell’operazione: salvaguardia dell’indipendenza editoriale a parte, la linea politica del tycoon australiano (foto) non si sposa bene con l’attuale. Resta aperto anche il capitolo-offerta: quella di Murdoch si aggirerebbe intorno ai 5 miliardi di dollari, 60 dollari per azione (3,7 miliardi di euro). Il CdA pare d’accordo anche dal punto di vista dell’offerta economica, i Bancroft tentennano ancora: che il loro comportamento sia solo una tecnica per alzare la posta? (Giuseppe Colucci per NL)

printfriendly pdf button - Wall Street Journal – NewsCorp alla stretta finale