Allarme Cgil: grandi aziende di tlc e media delocalizzano attivita’

(ADUC) – "In queste settimane grandi aziende di tlc e media stanno accelerando un processo di delocalizzazione di attivita’ in Paesi con minori salari e diritti, mettendo a rischio migliaia posti di lavoro". Lo denuncia, in una nota, la segreteria nazionale di Slc-Cgil. "In particolare – si legge – Telecom Italia, Vodafone, Wind, H3G e Sky stanno in questi mesi riducendo le attivita’ nel nostro Paese, affidando servizi di customer care e di back office ad aziende in Romania, Albania e Tunisia, con gravi rischi occupazionali e con una qualita’ offerta ai consumatori enormemente inferiore. Il fatto gia’ in se’ grave, diviene oggi drammatico in un momento di difficolta’ del Paese e con decine di imprese di call center in Italia che hanno scommesso su una competizione basata sulla qualita’ e non sulla gara a chi paga di meno i lavoratori o con meno tutele". Il sindacato proporra’ dunque nei prossimi giorni "a Cisl e Uil di richiedere un tavolo specifico al ministero del Lavoro e al ministero delle Attivita’ produttive, dove consegneremo tutta la documentazione in nostro possesso". Infine "come Slc-Cgil chiediamo alle imprese e al Governo di condividere una ‘moratoria’ in materia di licenziamenti e di delocalizzazioni di attivita’ oggi lavorate in Italia".
printfriendly pdf button - Allarme Cgil: grandi aziende di tlc e media delocalizzano attivita'