Antitrust Eu. I nodi vengono al pettine anche per Intel

Multa per Intel. Contestato l’abuso di posizione dominante nei confronti di AMD e richiesti 1,06 miliardi di euro. Intel, naturalmente, farà ricorso. In Europa si può parlare di concorrenza e norme antitrust. Perché il mercato è sì libero, ma va anche mantenuto tale, per garantire a tutti gli operatori le stesse opportunità. E senza un forte intervento dello Stato, questo non avviene. Sembra un paradosso ma non lo è affatto. intel - Antitrust Eu. I nodi vengono al pettine anche per IntelLa prima ad accorgersene è stata la regina del neoliberismo: Margaret Thatcher. Tanto liberista nelle scelte di policy, quanto inflessibile nel difendere l’apertura e la contendibilità dei mercati. Lo si facesse anche in Italia da anni non si parlerebbe più di duopolio Rai-Mediaset. Ma è inutile sognare, atteniamoci ai fatti e parliamo di Unione Europea. Dopo lo storico provvedimento nei confronti di Microsoft, ad opera dell’allora Commissario Europeo Mario Monti, un’altra impresa nordamericana si vede notificare una decisione molto scomoda. L’attuale Commissaria Eu alla Concorrenza, Neelie Kroes, ha infatti chiesto ad Intel di pagare una multa di 1,06 miliardi di euro, per abuso di posizione dominante. In realtà si temeva una decisione molto più rilevante, perché voci di corridoio quantificavano la multa in qualcosa come 4 miliardi di dollari, un decimo del giro di affari annuale del produttore di microprocessori. Invece la cifra è decisamente più ridotta, ma pur sempre considerevole. Tanto che Intel ha già annunciato che presenterà ricorso, contestando la decisione della Commissaria europea. Ma l’importo finale della multa è forse la questione meno rilevante. L’importante è dare un segnale ai mercati. (Davide Agazzi per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Antitrust Eu. I nodi vengono al pettine anche per Intel

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL