Attività di installazione degli impianti all’interno degli edifici -le regole del decreto ministeriale 22 gennaio 2008 n. 37

Estratto da una circolare della struttura di competenze a più livelli Consultmedia (collegata a questo periodico)


Qui per leggere il documento integrale in pdf

Estratto da una circolare della struttura di competenze a più livelli Consultmedia (collegata a questo periodico)- la circolare integrale può essere richiesta esclusivamente dagli assistiti Consultmedia all’indirizzo: info@consultmedia.it – (…) = omissis (…) Come già partecipato in precedenza (cfr. SIT Online su www.consultmedia.it), è entrato in vigore lo scorso 27 marzo il decreto ministeriale 22 gennaio 2008 n. 37, che rappresenta il nuovo regolamento in materia di attività di installazione degli impianti all’interno degli edifici. Con la sua positivizzazione nell’ordinamento giuridico sono stati abrogati il D.P.R. 447/1991, gli artt. da 107 a 121 del D.P.R. 380/2001 e le previsioni della L. 46/1990 ad eccezione degli artt. 8, 14 e 16. Si ritiene, pertanto, utile esporre in modo sintetico i contenuti di maggiore rilievo della nuova normativa, tenendo, in ogni caso, presente che ove esista una disposizione di sicurezza specifica basata su norme emanate a livello comunitario contrastante con la fonte giuridica in parola, la norma europea prevale su quella nazionale.
Il decreto si applica a tutti gli impianti “posti al servizio degli edifici” e collocati all’interno dei medesimi o delle loro pertinenze. Sono quindi esclusi dall’ambito di applicazione della normativa tutti gli impianti industriali e produttivi, anche se in alcuni casi l’edificio è progettato, realizzato e/o gestito in funzione dell’impianto produttivo che deve ospitare.
Peraltro, anche in ambito industriale e produttivo esistono alcuni impianti “posti al servizio degli edifici” e che quindi ricadono nell’ambito di applicazione della norma: si pensi agli impianti di illuminazione e climatizzazione degli ambienti di lavoro, agli impianti idrico-sanitari e di sicurezza. Gli impianti sono classificati in sette (7) categorie che si distinguono, in linea di principio, per il tipo di competenze tecniche necessarie per la progettazione e la realizzazione. La classificazione non è molto diversa da quella prospettata, a suo tempo, dalla L. 46/1990, anche se alcune differenze significative sono presenti (… segue per assistiti Consultmedia…) Nell’invitare le imprese assistite a consultare frequentemente il sito www.newslinet.it, ospitante il periodico telematico NL Newsline (collegato a Consultmedia), al fine di conseguire aggiornamenti in tempo reale in ordine ad informazioni rilevanti in materia economica, giuridica, amministrativa, fiscale e tecnica, si partecipa che questa struttura è a disposizione per qualsiasi chiarimento a riguardo di quanto sopra, evidenziando che i partner di riferimento per l’incombenza in parola sono: dr. ing. Enrico Magni – tel. 0331/441974 fax 593008 email serviziotecnico@planetmedia.it (per gli aspetti tecnici della problematica) dr. Morgan Peyrot – tel. 0331/452183 fax 593008 email serviziolegale@planetmedia.it (per gli aspetti giuridici della problematica) professionisti cui è demandata l’assistenza per le problematiche di specie. Infine si ricorda che nell’area riservata agli utenti S.I.T. (Service Informativo Telematico) del sito www.consultmedia.it è presente la raccolta di tutte le circolari inviate dalla struttura Consultmedia da un triennio a questa parte. Per adesioni al servizio S.I.T. (erogato al costo annuale di euro 100,00 oltre IVA): redazione@planetmedia.it (rif. Marco Menoncello 0331/452183 fax 0331/593008)

printfriendly pdf button - Attività di installazione degli impianti all’interno degli edifici -le regole del decreto ministeriale 22 gennaio 2008 n. 37