Avvocati: riforma previdenziale necessaria per veder più chiaramente lo stato della professione

Con le nuove regole sarà più difficile poter restare all’interno della categoria, poiché la contribuzione minima soggettiva sarà di gran lunga più elevata della precedente e, dati alla mano, si ritiene che saranno davvero numerosi i legali a dover valutare l’opportunità di cambiare professione.

Secondo i dati della Cassa Forense, saranno molti gli avvocati che andranno in pensione senza aver pagato contributi a sufficienza e ai quali l’ente sarà comunque costretto a passare un assegno utile per la sopravvivenza. Gli avvocati iscritti alla Cassa sono circa centomila su poco più di duecentomila iscritti all’albo, ed i rimanenti sessantamila dichiarano di non arrivare ad un reddito complessivo di diecimila euro annui, omettendo quindi di versare i contributi poiché esonerati. Il dubbio che si pone è come possano tali soggetti sopravvivere guadagnando così poco. Gli enti di previdenza purtroppo non hanno alcun modo di controllare i professionisti e l’unico metro di misura al momento esistente sono le dichiarazioni al fisco. In questo senso si sta muovendo l’operazione Poseidone, gestita dall’Inps, con il compito di smascherare coloro che non dichiarano completamente quanto percepito, al fine di assicurarsi la permanenza all’infuori dei limiti del dovere previdenziale. Ci sono anche molti legali che, a distanza di cinque anni dall’inizio attività, dichiarano meno di ventimila euro l’anno, pagando il minimo dei contributi. Sono proprio questi i soggetti che la Cassa Forense individua come i futuri percettori di una pensione effettivamente non guadagnata. Contro questo reale problema l’ente previdenziale ha pertanto individuato, quale soluzione, un aumento del minimo soggettivo sul reddito da 1.300 a 2.400 Euro, più un 4% integrativo sul fatturato ed un 1% modulare. Così facendo la Cassa dell’Ordine, relativamente ai soggetti che trascorreranno al minimo del reddito la propria vita professionale, conta di coprire circa l’80% dell’esborso totale. (P.T. per NL)
 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Avvocati: riforma previdenziale necessaria per veder più chiaramente lo stato della professione

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL