Calcio: Antitrust avvia istruttoria nei confronti della Lega per verificare comportamenti su cessione diritti tv serie B

Potrebbe aver impedito commercializzazione autonoma delle società negando ai tifosi la possibilità di seguire le partite da casa


L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nella riunione del 10 aprile 2008, ha avviato un’istruttoria per verificare se la Lega Calcio, anche attraverso delibere associative, abbia limitato la facoltà delle squadre del Campionato di calcio di Serie B di commercializzare autonomamente i diritti di trasmissione delle partite disputate, ponendo in atto condotte lesive della concorrenza.
L’Autorità intende accertare se i comportamenti di Lega Calcio, che non ha concluso alcun accordo relativo al campionato cadetto, siano tesi unicamente a preservare il proprio ruolo di negoziatore unico. In realtà la nuova disciplina su diritti del calcio prevede la possibilità, nella fase transitoria, cioè fino al 2010, che i singoli club vendano separatamente i diritti non ancora ceduti, sia pur previa autorizzazione della Lega stessa.
In questo modo, la condotta della Lega potrebbe aver negato ai tifosi la possibilità di seguire le partite attraverso diverse piattaforme trasmissive, pregiudicando anche l’interesse degli operatori della comunicazione ad acquisire contenuti di rilievo per il proprio palinsesto.
L’istruttoria dovrà concludersi entro il 15 aprile 2009.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Calcio: Antitrust avvia istruttoria nei confronti della Lega per verificare comportamenti su cessione diritti tv serie B

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL