Diffamazione a mezzo TV. Dire, nel corso di una trasmissione televisiva, di un magistrato inquirente “sepolcro imbiancato” è diffamazione

Annullata dalla S.C. l’assoluzione di Giuliano Ferrara per le offese al Procuratore della Repubblica di Torino


Dire, nel corso di una trasmissione televisiva, di un magistrato inquirente “sepolcro imbiancato”, in un contesto di critica in ordine all’avvenuta richiesta di custodia cautelare, configura il reato di cui all’art. 595 c.p.

Tratto da: Il Quotidiano Giuridico – Quotidiano di informazione e approfondimento giuridico

printfriendly pdf button - Diffamazione a mezzo TV. Dire, nel corso di una trasmissione televisiva, di un magistrato inquirente "sepolcro imbiancato" è diffamazione
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Diffamazione a mezzo TV. Dire, nel corso di una trasmissione televisiva, di un magistrato inquirente "sepolcro imbiancato" è diffamazione

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL