Diritti tv. Violazione online del copyright, Mediaset: per la prima volta una condanna per il provider che pubblica contenuti caricati dagli utenti

Il Tribunale di Roma con sentenza del 27 aprile 2016 ha condannato la piattaforma digitale statunitense Break.com per uso illecito dei programmi televisivi Mediaset.

Oltre a un risarcimento stabilito in 115.000 euro (pari a circa 1.300 euro per ogni minuto illecitamente pubblicato), la Nona Sezione del Tribunale Civile ha addebitato a Break.com le spese processuali e fissato una penale di 1.000 euro per ogni eventuale futura violazione. "La nuova sentenza – spiega Mediaset in una nota – rappresenta un ulteriore passo avanti nella giurisprudenza relativa alla tutela del diritto d’autore degli editori italiani in ambito digitale". Il Tribunale, accogliendo i più recenti precedenti comunitari, ha stabilito la responsabilità civile di chi pubblica contenuti caricati dagli utenti. Rilevante il nuovo ruolo attribuito agli aggregatori: non più intermediari tecnici e passivi ma "impresa globale" che utilizza i contenuti messi a disposizione del pubblico per alimentare il proprio business pubblicitario. "L’intervento diretto nei contenuti", continuano i giudici di Roma, è dimostrato anche attraverso i "video correlati" e la presenza di un "editorial team", elementi che dimostrano la posizione del provider come "hosting attivo". In altre parole vi è "conoscenza effettiva" degli illeciti e il titolare dei diritti non ha nessun obbligo preventivo di fornire agli aggregatori gli specifici URL "vietati", in quanto si tratterebbe di un onere irragionevolmente gravoso e privo di qualsiasi fondamento normativo. Secondo Mediaet, "La nuova sentenza aggiunge un importante contributo alla cultura giuridica dei "principi fondamentali" a tutela di chi investe realmente nella produzione di contenuti italiani originali". (E.G. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Diritti tv. Violazione online del copyright, Mediaset: per la prima volta una condanna per il provider che pubblica contenuti caricati dagli utenti

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL