Diritto autore e web. Tribunale Roma respinge reclamo Youtube contro provvedimento 16/12/09 a favore di Mediaset. Ma…

Il Tribunale di Roma, riunito collegialmente, ha respinto il reclamo di Youtube e confermato il provvedimento emesso il 16 dicembre che condannava il più famoso sito di video a rimuovere dai server tutti i contenuti caricati senza il benestare di Mediaset.

Il riferimento specifico è agli spezzoni di "Grande Fratello", secondo il Biscione "ampiamente in testa nelle classifiche dei video più cliccati" (circostanza che invero andrebbe vista positivamente, almeno in termini di riverberazione pubblicitaria, ndr). "Questa nuova ordinanza si inserisce nella causa iniziata nel luglio 2008 da Mediaset contro Youtube e rafforza ulteriormente il principio della tutela del diritto d’autore e della proprietà intellettuale", dichiara l’ufficio stampa del gruppo raffigurato dal serpentone col fiore in bocca (mutuato dal simbolo, invero poco tranquillizzante, dei Visconti di Milano – foto). "Un principio che finalmente diventa patrimonio di tutti gli editori e che potrà essere applicato nei confronti di ogni sito web che viola la proprietà dei diritti altrui", esulta Cologno. "L’ordinanza odierna ribadisce infatti che anche i siti come Youtube devono rispondere alle consuete regole commerciali: contrariamente a quanto avveniva finora, da oggi solo chi investe in contenuti ha il diritto di sfruttarli economicamente anche online attraverso la raccolta pubblicitaria o altre fonti di ricavo. Ne consegue, e l’ordinanza lo stabilisce espressamente, che gli oneri tecnologici per ottenere il rispetto di tale diritto non possono essere a carico di chi ne è titolare", insistono dal gruppo tv più importante d’Italia. "Da oggi si apre quindi una nuova era per tutti gli editori italiani che potranno stringere rapporti economici con gli operatori internet, ognuno nel rispettivo ruolo, sulla base di un nuovo contesto di regole chiare e definite", chiude il comunicato dell’azienda televisiva. Può darsi che sia come dicono quelli di Mediaset. Ma avranno ben valutato il contraccolpo d’immagine che simili iniziative repressive (quand’anche giuridicamente forti) comportano nei confronti del popolo degli internauti? (A.M. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Diritto autore e web. Tribunale Roma respinge reclamo Youtube contro provvedimento 16/12/09 a favore di Mediaset. Ma...

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL