Diritto di cronaca e grandi eventi: l’Agcom detta modalità e limiti

E’ stato pubblicato nella GU n. 4 del 7 gennaio 2011 il Regolamento Agcom concernente la trasmissione di brevi estratti di cronaca di eventi di grande interesse pubblico.

Il provvedimento si fonda sulla direttiva sui servizi di media audiovisivi del Parlamento europeo e del Consiglio europeo del 10 marzo 2010; sul fatto che il Testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici ha inteso codificare l’avvenuto bilanciamento fra il diritto allo sfruttamento economico delle opere dell’ingegno e il diritto all’informazione nell’ambito dei servizi di media audiovisivi, consentendo ai fornitori di servizi di media l’esercizio del diritto di cronaca, all’interno dei programmi d’informazione e sulla necessità di prevedere che il diritto di utilizzare brevi estratti sia garantito a condizioni eque, ragionevoli e non discriminatorie, nonché sulla consultazione pubblica sullo schema di regolamento e dei contributi pervenuti in sede di consultazione e delle osservazioni dell’Autorità. Si considerano trasmissioni di grande interesse pubblico, per esempio: le giornate di gara delle Olimpiadi estive ed invernali; la finale e tutte le partite interessanti la squadra nazionale italiana nel campionato del mondo e nel campionato europeo di calcio, e tutte le partite della nazionale italiana di calcio in competizioni ufficiali; le singole manifestazioni di carattere culturale, artistico, religioso o di grande interesse pubblico.
 
printfriendly pdf button - Diritto di cronaca e grandi eventi: l’Agcom detta modalità e limiti