DTT, assegnazioni diritti d’uso frequenze AT3: gli operatori tentano di ricostruire il masterplan “segreto”

Prevedibile. Dopo la prima giornata (si continuerà e concluderà domani) di invii da parte della DGSCER del MSE-Com delle note di avvio dei procedimenti di assegnazione dei diritti d’uso (temporanei) per i canali DTT nell’AT3, si comincia a delineare il quadro complessivo.

Come ampiamente anticipato da questo periodico, pur di salvare le capre anche a dispetto dei cavoli, il dicastero di Paolo Romani ha riciclato più e più volte gli stessi canali provvedendo, nella più parte dei casi, a realizzare reti locali MFN o k-SFN, derogando al principio della SFN che avrebbe dovuto guidare la migrazione alla tecnologia digitale. Ovviamente, ne è uscito uno sformato frequenziale che occuperà da qui ai prossimi cinque anni (almeno) gli organi amministrativi e giudiziari per risolvere le interferenze che tra una settimana inizieranno ad imperversare nelle zone congestionate dell’Area Tecnica 3. Il quadro delle assegnazioni, che il MSE-Com avrebbe voluto tenere segreto il più a lungo possibile (presumibilmente per non alimentare anzitempo il contenzioso giudiziale), si sta infatti lentamente delineando: nel tardo pomeriggio di oggi 800 frequenze in stato di pre-assegnazione erano già state inserite da un volonteroso collettore di canali nel database (distribuito questa notte dal MSE-Com) a seguito di un vorticoso giro di telefonate tra gli operatori. E non è una cornice radioelettrica rassicurante, quella che emerge dall’encomiabile sforzo: a parte le decine e decine di impianti (attuali) andati perduti nella trascrizione effettuata dal ministero – che si spera da qui a venerdì saranno recuperati nel masterplan definitivo – vi sono centinaia di situazioni di incompatibilità radioelettrica congenita la cui soluzione necessiterà di fini interpretazioni giuridiche, più che di creatività tecnica. Non potendo più compravendere singoli impianti, ma meramente negoziare diritti d’uso temporanei nel complesso del bacino assentito, occorrerà infatti studiare delle soluzioni conformi al nuovo quadro legislativo per consentire agli operatori di rete di svolgere adeguatamente il proprio lavoro. Intanto, molti network provider assolutamente scontenti delle assegnazioni prospettate si stanno organizzando per impugnare al TAR Lazio i provvedimenti definitivi che di qui a lunedì perverranno. (A.M. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - DTT, assegnazioni diritti d’uso frequenze AT3: gli operatori tentano di ricostruire il masterplan “segreto”

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL