DTT. Conferenza DGTVi: il digitale va benissimo. Ed è solo per noi

Centinaia di milioni di euro dei contribuenti italiani spesi con la promessa di accrescere l’offerta e la scelta televisiva. Ma in realtà le porte del DTT sono e rimarranno chiuse ai nuovi entranti.

E’ questa, in sintesi, la prevedibile risposta che l’amministratore delegato di Sky Italia, Tom Mockridge, ha dato alle trite dichiarazioni di Fedele Confalonieri, presidente di Mediaset e Andrea Ambrogetti, al vertice di DGTVi, in occasione dell’autocelebrazione di lunedì e martedì al Teatro Dal Verme di Milano. All’evento abbiamo dedicato le poche righe che uno spottone come la conferenza di DGTVi secondo noi meritava. E, a dire il vero, non è che da altre parti l’attenzione riservata ai cantanti-suonatori sia stata migliore. Unica voce fuori dal coro del "tuttovabeneanzibenissimo" è stata quella del commissario Agcom Stefano Mannoni, che in un duro intervento ha difeso a spada tratta la revisione del Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze dagli attacchi di coloro che vedono in ciò la volontà di ritagliare spazi per Murdoch (in calce, grazie ad Andrea Lawendel, riportiamo i singoli interventi audio). Per il resto, come dicevamo in apertura, vale solo, stancamente, la pena di riportare, per mero scrupolo informativo, quel che ha risposto Mockridge in un comunicato di stampo aziendale. L’uomo di Murdoch ha sottolineato quel che già tutti sanno e cioè che i soldi per il DTT italiano non sono venuti solo dagli investimenti degli operatori esistenti, ma anche da "sovvenzioni pubbliche, contributi alla comunicazione e ai decoder". "Denaro di tutti speso con una promessa: accrescere l’offerta e far entrare nuovi operatori nel mercato". Promessa pinocchiesca, secondo l’a.d. di Sky, che ha richiamato a proprio conforto la dichiarazione di Ambrogetti: "Adesso che l’Italia e’ digitale, nessuno si illuda di presentarsi pretendendo di accedere a questo sistema". Un mercato chiuso per volontà di operatori come Mediaset, che "comprensibilmente lavora per mantenere la sua quota di mercato". "Concorrenza, offerta, scelta. Questo e’ lo spirito che dovrebbe animare il processo verso il digitale terrestre", ha concluso Mockridge. Null’altro da rilevare, se non la presenza-assenza delle dormienti emittenti tv locali. Tutte lì. Tutte silenziose, ma sorridenti. E chissà mai cosa ci sarà da sorridere. (A.M. per NL)
 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - DTT. Conferenza DGTVi: il digitale va benissimo. Ed è solo per noi

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL