DTT, dividendo esterno (61/69 UHF), sospensione decreto da parte di TAR Lazio. FRT: se non c’è dialogo il rischio ricorsi aumenta sempre di più

I provvedimenti cautelari (n. 1.130, 1.131 e 1.132) con i quali il Tar Lazio ha sospeso il decreto 23/01/2012 del Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, avente ad oggetto l’attribuzione delle misure compensative finalizzate al volontario rilascio di porzioni di spettro funzionali alla liberazione delle frequenze nella banda 790-862 MHz (canali 61-69) non hanno colto di sorpresa gli addetti ai lavori, anzi erano facilmente prevedibili.

La sospensione è stata disposta fino all’udienza di trattazione collegiale del 18/04/2012 nella cui sede il provvedimento cautelare potrà essere confermato, modificato o revocato. In merito alla problematica dei canali 61-69 l’Associazione Tv Locali FRT ha evidenziato, in un comunicato diffuso la scorsa settimana, come la sospensiva abbia fatto emergere in modo chiaro l’erroneità di alcune scelte normative operate in ordine alla transizione al digitale terrestre, anche a prescindere dalle specificità del Decreto 23/01/2012, che, peraltro, a causa del relativi tecnicismi, si è rivelato inattuabile in molte fattispecie concretamente esistenti. L’Associazione Tv Locali ha inoltre fatto presente che a fronte di una situazione assolutamente incerta di disponibilità frequenziali non sono state ancora rese note le modalità per l’assegnazione definitiva dei diritti di uso nelle regioni già digitalizzate al 31/12/2010. Venerdì scorso il Ministero ha disattivato il sito internet dedicato alla presentazione delle domande da parte dei soggetti interessati alla dismissione volontaria delle frequenze in quanto scaduti i termini per la presentazione delle stesse. I provvedimenti cautelari del TAR Lazio, seppur provvisori, sono anche figli della scelta del Ministero di non voler condividere, con le emittenti e con le associazioni di categoria, il processo di dismissione delle frequenze. Per il Presidente della FRT, Filippo Rebecchini, "le decisioni normative che impattano su un intero settore vengono generalmente condivise attraverso il procedimento della consultazione pubblica, con il quale è possibile trovare, avvalendosi del contributo di tutti i soggetti partecipanti, soluzioni, anche tecniche, caratterizzate dal più ampio consenso possibile, anche con l’intento di ridurre al minimo, in quanto ciò non può essere completamente eliminato, i rischi di ricorsi giudiziari. Nel caso del decreto di liberazione delle frequenze, purtroppo, ciò non è stato fatto. In un clima esasperato – continua Rebecchini – dalla situazione di pesante crisi di sistema delle tv locali sarebbe auspicabile la ripresa del dialogo tra le Associazioni di Categoria e le Istituzioni. Se ciò non avverrà dovremo abituarci, e non stupirci, a numerosi ricorsi al TAR". (M.L. per NL) 
 
printfriendly pdf button - DTT, dividendo esterno (61/69 UHF), sospensione decreto da parte di TAR Lazio. FRT: se non c'è dialogo il rischio ricorsi aumenta sempre di più
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - DTT, dividendo esterno (61/69 UHF), sospensione decreto da parte di TAR Lazio. FRT: se non c'è dialogo il rischio ricorsi aumenta sempre di più

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL