DTT, revisione P.N.A.F. Agcom ne discuterà settimana prossima. Intanto appare sempre più probabile ipotesi di tv locali in condominio

Le reti k-SFN, con ogni probabilità, si faranno. Sin dalla cerottata di Europa 7 ciò era chiaro. Ma ora è altrettanto chiaro che le risorse a disposizione per la tv digitale sono meno del previsto, prima del previsto.

L’UE ha infatti invitato gli stati a prepararsi a liberare i canali dal 61 al 69 UHF in vista del potenziamento del Wi-Fi di ultima generazione e l’Agcom non potrà non tenerne conto in occasione della posticipata riunione di Consiglio sulla revisione del Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze digitali che, molto probabilmente, si terrà il 3 giugno. Più frequenze per i mux nazionali (che per inciso sono ora diventati 22, con l’ingresso imprevisto di Screen Service tra gli operatori nazionali), meno canali a disposizione e l’obiettivo di garantire la sopravvivenza dell’esistente analogico locale in ambiente digitale, non possono che portare ad una logica conclusione: multiplexer condivisi. Da un punto di vista strettamente pratico, la soluzione dei bouquet in multiproprietà permetterebbe alle emittenti locali di superare una probabile falcidia nelle aree radioelettricamente congestionate, come la Lombardia, dove è chiaro che non ci sarà spazio per tutti. Ma tale ipotesi recherebbe in sé anche il gene del fallimento imprenditoriale: nessun business da operatore di rete (cioè quello su cui tutti gli attuali editori hanno puntato), ma solo una nuova vita digitale del tutto identica a quella analogica, con un rapporto 1:1, ma con in più la concorrenza, determinata dai nuovi programmi nazionali (di qualità), all’ennesima potenza. Ve la immaginate la gran parte delle attuali tv locali a campare solo con un monoprogramma digitale su un mux condiviso a fatica con altri soggetti? Se già faticavano a tirar sera in analogico, con una competizione tutto sommato limitata e grazie ad una dose di iniezione contributiva statale, senza la possibilità di noleggiare a terzi gran parte della banda di un canale assegnato singolarmente, quale potrebbe essere il futuro di questi soggetti? Con un avviamento azzerato dal terremoto LCN quante possibilità avrebbero gli attuali editori di sopravvivere nell’esclusivo ruolo di content provider? Domande retoriche, naturalmente. (A.M. per NL) 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - DTT, revisione P.N.A.F. Agcom ne discuterà settimana prossima. Intanto appare sempre più probabile ipotesi di tv locali in condominio

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL