DTT. TI Media: ricorsi su frequenze tv rallenteranno gara dividendo

Telecom Italia Media ritiene che la cessione delle frequenze in ambito tv del cosiddetto dividendo digitale subiranno ritardi a causa di numerosi ricorsi al giudice amministrativo avanzati dagli operatori di rete insoddisfatti delle assegnazioni.

"Oltre al nostro (ricorso), ritengo che ci saranno contestazioni da parte di altri soggetti… dei ricorsi con richiesta di sospensiva", ha detto l’AD di TI Media nella conferencec call con gli analisti. "Questo dovrebbe avere un impatto sui tempi", ha aggiunto. "Senza interferenze la gara si potrebbe chiudere a primavera 2011, ma se ci saranno disturbi, cioè dei ricorsi, penso che possa andare avanti fino a fine 2011". Stella, parlando del ricorso, ha detto che nell’ambito della cessione delle frequenze in ambito televisivo, TI Media è considerato un operatore dominante, in quanto controllato da Telecom Italia, mentre Sky un nuovo entrante. "Per quanto riguarda il dividendo esterno, le frequenze dal 61 al 69, che hanno caratteristiche particolari dovrebbero essere destinate alla telefonia mobile", ha aggiunto. (fonte Reuters)
printfriendly pdf button - DTT. TI Media: ricorsi su frequenze tv rallenteranno gara dividendo
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - DTT. TI Media: ricorsi su frequenze tv rallenteranno gara dividendo

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL