DTT. Tivuitalia segna un +30% di impianti di trasmissione in tutta Italia. Ma il MSE-Com continua a negare lo status di operatore nazionale

Tivuitalia S.p.A., società integralmente controllata dalla Screen Service Broadcasting Technologies S.p.A.- comunica di avere ricevuto l’autorizzazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni all’accensione di 44 nuovi impianti di trasmissione del segnale televisivo in tecnica digitale.

I nuovi impianti, pari ad un incremento del 30% rispetto agli impianti attualmente gestiti da Tivuitalia, sono localizzati nelle regioni del Nord Italia e in Sardegna, già oggetto di switch off. In ottica di rafforzamento della propria capacità trasmissiva, Tivuitalia prevede nelle prossime settimane l’assegnazione da parte del Ministero di altrettanti impianti nelle rimanenti regioni del Centro e Sud Italia già convertite al digitale terrestre. “Grazie a questi nuovi impianti – ha dichiarato Antonio Mazzara, Amministratore Delegato di Tivuitalia – Tivuitalia sarà in grado di offrire una migliore qualità del segnale e un’estensione della copertura sul territorio nazionale". "Nel perseguimento dei nostri obiettivi industriali, che già hanno comportato investimenti rilevanti, – ha concluso Mazzara – riveste prioritaria importanza la difesa dei diritti e interessi legittimi maturati da Tivuitalia. Stiamo infatti predisponendo l’impugnazione dei Provvedimenti ministeriali che ci hanno illegittimamente negato lo status di operatore di rete sia in ambito nazionale, in via giurisdizionale agli organi di Giustizia Amministrativa Italiana e all’Antitrust, sia in sede europea".
printfriendly pdf button - DTT. Tivuitalia segna un +30% di impianti di trasmissione in tutta Italia. Ma il MSE-Com continua a negare lo status di operatore nazionale