Editoria. Bonaiuti: “Sui tagli ai contributi applicheremo proporzionalità”

«Condivido – ha detto Bonaiuti – l’esigenza di salvare certe isole per la diffusione della cultura e delle idee: cercherò di tenermi su tagli proporzionali anche alla grandezza del giornale”


Franco Abruzzo.it

Roma, 26 settembre 2008. Nei tagli all’editoria il governo si atterrà «al principio della proporzionalità»: è l’impegno del sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega per il settore, Paolo Bonaiuti, ospite questo pomeriggio del programma Radio City, in onda su Radiouno, con il capogruppo del Pd in Vigilanza Rai Fabrizio Morri. «Condivido – ha detto Bonaiuti – l’esigenza di salvare certe isole per la diffusione della cultura e delle idee: cercherò di tenermi su tagli proporzionali anche alla grandezza del giornale. Ci atterremo al principio della proporzionalità». Sul fronte delle tariffe postali agevolate, «che vanno anche a grandi gruppi e grandi quotidiani», Bonaiuti ha sottolineato che «c’è bisogno di un regolamento, sono il primo a dirlo, ma si tratta di norme che sono state votate dal Parlamento». In ogni caso, ha ricordato il sottosegretario, «il rimborso effettivo delle tariffe a Poste Italiane si già ridotto del 45% negli ultimi tre anni: evidentemente anche Prodi non aveva tutti questi soldi da dare». Più in generale, replicando all’allarme sollevato dai tagli contenuti nel decreto Tremonti, Bonaiuti ha ricordato che «è stato necessario tagliare un sacco di spese in ogni settore, e quindi anche editoria dovrà fare sacrifici». Il sottosegretario ha poi difeso il principio cardine del regolamento attuativo del decreto, e cioè la parametrazione dei contributi «non più in base alle copie dichiarate, ma a quelle effettivamente vendute: cessa la pratica delle vendite in blocco e si ritorna a calcolare i contributi in base all’effettiva realtà». Sottoposto alle osservazioni delle categorie interessate, che hanno tempo per presentarle fino al 30 settembre, il regolamento tornerà poi all’attenzione del governo: «Ci prenderemo altri dieci giorni di tempo per valutarle», ha concluso Bonaiuti. «E siccome è giusto che anche il Parlamento sia informato, andrò ancora in commissione Cultura alla Camera e al Senato ad illustrare il regolamento prima di vararlo». (ANSA)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Editoria. Bonaiuti: "Sui tagli ai contributi applicheremo proporzionalità"

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL