Editoria. Dati Mediobanca: margini editoria 2008-2015 in picchiata

Climax dai connotati critici per l’editoria: secondo i dati riportati dallo studio R&S di Mediobanca, nel 2015 il settore è all’opposto delle costruzioni per quanto concerne i margini.

Il rovinoso crollo dal 2008 al 2015 è stato del 95,7%, percentuale che lascia veramente poco spazio all’immaginazione. L’analisi del Centro studi di Mediobanca sulle 2060 società italiane industriali e terziarie di grandi e medie dimensioni mostra con chiarezza quanto siano lontani i margini del pre crisi (i massimi nel 2007): -32% per le 2060 imprese e -19,1% la manifattura. Segno più solo per le medie imprese (+4.6%) e il made in Italy (+2.8%). Anche per quanto riguarda il fatturato, i ritardi più evidenti dal 2008 si concentrano ancora sull’editoria, in calo del 38,5%. Le vendite delle attività con sede in Italia delle 2.060 società hanno segnato nell’anno precedente una contrazione dell’1,3%, terza variazione consecutiva in senso negativo. La contrazione del 2015 replica sostanzialmente quella del 2014 (-1,5%), ma è inferiore a quella del 2013 (-2.3%). In ultimo la forza lavoro: dal 2008 è fuoriuscita in misura maggiore dal settore ancora dalla stampa e editoria (-23,1%), oltre che dai prodotti per l’edilizia (-25,4%), dalla produzione di elettrodomestici e dal tessile. Per quanto concerne l’emittenza radiotelevisiva, poi, nel 2015 sul 2014 il fatturato è risultato pressoché invariato, con + 0,1% dopo quattro anni in negativo, considerando che si è trattato del primo anno dal 2011 in cui il settore non ha subito riduzioni. Se si allarga la prospettiva soffermando lo sguardo sulla variazione dal 2008 in poi, il calo è stato del 12,2%. In generale, secondo quanto emerge dallo studio, su tutti i settori sono in aumento gli investimenti che nel 2015 sono cresciuti del 7,9%, con un boom del terziario (+26,4%), seguito dalle estere (+5.9%) e dalla manifattura (+4,8%), con il pubblico (+8,1%) che batte il privato (+7,8%). Nel segmento manifatturiero la ripresa degli investimenti ha comportato un aumento della produttività (+6%) superiore a quello della crescita del costo del lavoro (+2,8%). Risultato raggiunto negli anni precedenti soprattutto attraverso tagli occupazionali (-0,6%), ora anche con l’aumento degli investimenti, che restano comunque del 19% inferiori rispetto al 2008. (S.F. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Editoria. Dati Mediobanca: margini editoria 2008-2015 in picchiata

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL