Elezioni e tv. Sinistra Arcobaleno: “prove tecniche di regime PDL-PD. Subito scattino sanzioni Agcom”

L’informazione politica Rai e Mediaset è monopolizzata da Pdl e Pd, che occupano oltre il 60% del tempo e degli ascolti: è l’accusa ribadita oggi dalla Sinistra Arcobaleno


da Franco Abruzzo.it

Roma, 28 marzo 2008. L’informazione politica Rai e Mediaset è monopolizzata da Pdl e Pd, che occupano oltre il 60% del tempo e degli ascolti: è l’accusa ribadita oggi dalla Sinistra Arcobaleno, che parla di “prove tecniche di regime” e chiede un immediato intervento sanzionatorio da parte dell’Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni. “Non basta più il semplice richiamo, ma è necessario che l’Autorità applichi subito le sanzioni previste dalla legge sulla par condicio”, è il monito del senatore Prc Antonello Falomi. Citando i dati del Centro di ascolto e della stessa Agcom, Falomi – intervenuto oggi a una conferenza stampa con gli altri rappresentanti della Sa in Vigilanza Rai, Giovanni Russo Spena (Prc), Loredana De Petris (Verdi) e Gloria Buffo (Sd) – ha sottolineato che tra il 7 febbraio e il 17 marzo nelle edizioni principali dei tg Rai Pdl e Pd hanno occupato il 64.1% del tempo di parola, con gli altri soggetti relegati al 35.9%. Nella settimana tra il 10 e il 17 marzo il dato a favore dei due partiti maggiori è salito al 66.74%; in dettaglio Pdl e Pd hanno avuto il 70.3% del tempo di parola del Tg1, il 66% del Tg2 e il 63.25% del Tg3. Quanto ai tg Mediaset, tra il 7 febbraio e il 17 marzo le edizioni principali hanno riservato a Pdl e Pd ben il 78.19% del tempo di parola (la parte del leone la fa il Pdl con il 51.8%), relegando gli altri partiti al 21.81%.
“Rai e Mediaset – ha detto Falomi – si sono già adeguate all’abolizione della par condicio, tema sul quale c’é una singolare sintonia tra Berlusconi e Veltroni. La conferma autorevole è venuta dall’atto di richiamo dell’Agcom, del quale i media hanno enfatizzato solo lo squilibrio tra Pdl e Pd e non quello, ben più spiccato, direi clamoroso, rilevato dall’Autorità fra le due formazioni maggiori e i partiti minori. Nel frattempo la situazione è addirittura peggiorata”. Di fronte alla “violazione palese della legge e dei regolamenti dell’Autorità e della Vigilanza” é ora che la stessa Agcom “intervenga con le sanzioni”. Falomi sa che “i rigidi criteri della comunicazione politica non si possono applicare a tg e approfondimenti, ma neanche si possono stravolgere le disposizioni sull’informazione, che deve uniformarsi ai criteri di pluralismo, completenzza, imparzialità, obiettività e parità di trattamento tra le diverse forze politiche”. Critiche anche al confezionamento delle notizie: “Ci sono servizi a parte per i due ‘grandi’ – ha detto Falomi – e poi tutti gli altri. E le frasi riportate sono spesso quelle suggerite dagli uffici stampa dei partiti”. Anche per Russo Spena, “siamo ormai al bipartitismo mediatico. Siamo penalizzati da una legge elettorale pensata per le coalizioni e applicata a diversi partiti, ma stampa e servizio pubblico radio tv sembrano essere corrivi a questo bipartitismo”. “Questo modo di fare campagna elettorale di Pdl e Pd, appellandosi al voto utile, evitando l’uno il faccia a faccia e l’altro chiedendone uno solo, quello con l’altro big – ha concluso la Buffo – ricorda più la Russia di Putin che le democrazie europee. Da liberali, chiediamo il rispetto delle regole”. (ANSA)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Elezioni e tv. Sinistra Arcobaleno: "prove tecniche di regime PDL-PD. Subito scattino sanzioni Agcom"

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL