Fa ricorso contro il canone Rai. L’Europa lo respinge: «È giusto pagare»

(Il Messaggero.it) – La Corte europea dei diritti dell’uomo ha dichiarato «palesemente infondato» il ricorso presentato da un privato cittadino, il vicentino Antonio Faccio, contro le misure prese nei suoi confronti per non aver pagato il canone di abbonamento al servizio pubblico.

Secondo i giudici di Strasburgo, Faccio è tenuto a pagare la tassa anche se non desidera guardare la Rai poiché l’imposta è dovuta per il solo fatto di possedere un televisore. Inoltre, a Strasburgo si fa notare che la tassa «non viene pagata in cambio della ricezione di un canale particolare ma è un contributo a un servizio per la comunità». La vicenda ha avuto inizio nel 1999, quando l’uomo aveva inviato una richiesta alla Rai affinché venisse sospeso il suo abbonamento. Quattro anni dopo però gli uomini della Guardia di Finanza si presentarono a casa sua e sigillarono il televisore in una busta di nylon in modo che non potesse essere più utilizzata. Il signor Faccio si era allora rivolto alla Corte di Strasburgo sostenendo che la misura adottata dalle forze dell’ordine aveva violato il suo diritto a ricevere informazioni attraverso altri canali televisivi, il suo diritto al rispetto della vita privata e anche quello alla protezione della proprietà privata. Ma la Corte di Strasburgo ha ritenuto che, nonostante le misure adottate delle autorità italiane siano da considerarsi «un’ingerenza nei diritti del ricorrente», esse hanno tuttavia «perseguito un obiettivo legittimo: persuadere gli individui a pagare una tassa». Secondo i giudici di Strasburgo, in base a quanto scritto nel Regio decreto n.246 del 21 febbraio 1938 (nato per gli apparecchi radiofonici e poi esteso anche a quelli televisivi), il signor Faccio è tenuto a pagare la tassa anche se non desidera guardare la Rai, poiché la tassa è dovuta per il solo fatto di possedere un televisore. Nell’Unione europea ci sono altri 13 Paesi in cui i cittadini pagano il canone così come avviene in Italia: Austria, Repubblica Ceca, Germania, Danimarca, Finlandia, Francia, Regno Unito, Irlanda, Malta, Polonia, Svezia, Slovenia e Slovacchia.
printfriendly pdf button - Fa ricorso contro il canone Rai. L'Europa lo respinge: «È giusto pagare»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Fa ricorso contro il canone Rai. L'Europa lo respinge: «È giusto pagare»

Non perdere le novità dei settori radiotelevisivo, editoriale e delle telecomunicazioni

Gratis la newsletter di NL