Giornalisti. INPGI: grazie ad ispezioni +20% di aziende editoriali (10 tra radio e tv) che si mettono in regole nel 1° semestre 2017

pensione

Su 48 ispezioni effettuate nel primo semestre 2017 dall’INPGI presso aziende editoriali, radio, tv, giornali web ed uffici stampa sia in ambito pubblico che privato, in 30 casi sono emerse irregolarita’ che hanno comportato il mancato versamento all’ente di oltre 2,2 mln di euro di contributi previdenziali e l’addebito di sanzioni nell’ordine di 558 mila euro. Si tratta d’ importi che fanno riferimento alla Gestione Sostitutiva dell’AGO.
Rispetto allo stesso periodo dello scorso  anno e’ aumentata la percentuale di aziende che hanno aderito agli esiti dell’accertamento; se lo scorso anno, infatti, il 33% delle irregolarita’ accertate era stato oggetto di regolarizzazione da parte delle imprese ispezionate, quest’anno il volume delle inadempienze regolarizzate e’ salito al 55%.
Le indagini del 2017, peraltro, hanno consentito di indirizzare sempre meglio le attivita’ di accertamento, selezionando le casistiche che presentano maggiori criticita’ ed escludendo quelle meno rilevanti. Nonostante un numero inferiore di ispezioni rispetto al 2016 (72 accertamenti), i risultati conseguiti quest’anno hanno infatti portato l’Ente un incremento degli introiti, anche per effetto  delle maggiori adesioni delle aziende che hanno deciso di mettersi in regola.giornali 300x200 - Giornalisti. INPGI: grazie ad ispezioni +20% di aziende editoriali (10 tra radio e tv) che si mettono in regole nel 1° semestre 2017
Secondo la relazione del servizio sviluppo organizzativo, studi e vigilanza INPGI, i 48 verbali registrati dall’Ente dal 1° gennaio al 30 giugno 2017 riguardano: aziende editoriali on line (12 casi), uffici stampa privati (13), emittenti radiofoniche (7), periodici (5), tv (3), quotidiani (1), service editoriali (1), P.A. (3), altre aziende (3).
In 12 casi le aziende ispezionate hanno effettuato il pagamento, il trasferimento dei contributi dall’Inps all’Inpgi o hanno avuto accesso alla dilazione del debito contributivo dopo la notifica del verbale, regolarizzando 25 rapporti di lavoro per un importo complessivo di oltre 1,2mln di euro. Non saranno pertanto oggetto di alcun contenzioso e comporteranno nuovi e stabili versamenti contributivi. In un caso l’azienda ispezionata ha regolarizzato le inadempienze emerse gia’ in sede di verifica prima della conclusione dell’accertamento. In 5 casi, invece, le aziende hanno attivato 12 nuovi rapporti di lavoro in seguito agli accertamenti ispettivi, per un importo di contributi annui di circa 100 mila euro. (E.G. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Giornalisti. INPGI: grazie ad ispezioni +20% di aziende editoriali (10 tra radio e tv) che si mettono in regole nel 1° semestre 2017

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL