Giurisprudenza di merito: l’identità personale lesa dalla falsità di una notizia

Il Tribunale di Roma pone in rilievo la tutela del diritto all’identità personale, quale diritto costituzionalmente garantito e che può venire leso anche in assenza di lesioni al decoro e/o alla reputazione della persona


Franco Abruzzo.it

di Sabrina Peron, avvocato in Milano

Nella sentenza (n. 16669/2008) decisa dalla prima sezione civile del Tribunale di Roma, viene in rilievo la tutela del diritto all’identità personale, quale diritto costituzionalmente garantito (art. 2 Cost.) e che può venire leso anche in assenza di lesioni al decoro e/o alla reputazione della persona. Secondo il Tribunale, nel caso di specie, la falsità della notizia pubblicata (che indicava una famosa attrice come una donna di grande fascino ed attrazione anche per aver fatto ricorso ad interventi di chirurgia estetica) ha dato luogo alla lesione del diritto all’identità personale; quest’ultima da intendersi come la proiezione del sé nel sociale e come diritto del singolo individuo ad essere descritto e rappresentato così com’è, senza alcun stravolgimento della sua personalità agli occhi del pubblico. In particolare, secondo il Tribunale di Roma, la lesione all’identità personale si sostanzia in una violazione del requisito della verità, anche solo putativa, che pur non dando luogo alla commissione di un reato, può ugualmente produrre un danno ingiusto (danno ingiusto che è presente in ogni lesione di un diritto della personalità) che, come tale, deve essere risarcito.

La Mondadori è stata condannata al pagamento di 7.500 euro (a titolo del risarcimento del danno non patrimoniale) e di metà delle spese legali per 7.500 euro. (da: http://www.personaedanno.it, che pubblica anche la sentenza)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Giurisprudenza di merito: l’identità personale lesa dalla falsità di una notizia

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL